Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Si sono utilizzati globuli bianchi di tipo T

In Giappone create cellule staminali contro cancro e Aids


In Giappone create cellule staminali contro cancro e Aids
03/01/2013, 19:23

GIAPPONE - Uno studio fatto in Giappone potrebbe essere una soluzione per risolvere due delle più gravi malattie dei giorni nostri: cancro e Aids. I ricercatori dell'Istituto Riken hanno preso un particolare tipo di globulo bianco, chiamato linfocita T (il nome deriva dal fatto che svolge un periodo di "maturazione" all'interno del timo, una ghiandola che abbiamo vicino alla gola) e lo hanno "riprogrammato", per farlo diventare una cellula staminale di globuli bianchi. Dopo di che, sempre in provetta, hanno fatto replicare queste cellule, ottenendo una quantità teoricamente infinita di cellule immunitarie. I linfociti T hanno un compito di "coordinatori" degli altri tipi di globuli bianchi quando bisogna attaccare un nemico. Per questo memorizzano le caratteristiche del "nemico". Per cui, prendendo i linfociti T di una persona malata di cancro o di Aids (almeno in teoria) le nuove cellule dovrebbero essere particolarmente aggressive verso quella malattia. 
Per ora la sperimentazione è stata fatta solo in vitro. Ora bisogna vedere se le promesse verranno mantenute quando si passerà alla sperimentazione umana.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©