Cyber, scienza e gossip / Sesso

Commenta Stampa

In Italia un maschio su tre ha problemi andrologici


In Italia un maschio su tre ha problemi andrologici
23/02/2009, 14:02

In Italia un maschio su tre ha problemi andrologici. Il dato, emerso da un'analisi epidemiologica, sarà tra i temi in discussione al convegno congiunto di Sifr e Siams, rispettivamente società italiana di Fisiopatologia della Riproduzione e di Andrologia e Medicina della Sessualità che si terrà il 27 e 28 febbraio ad Abano (Padova). Lo studio ha inoltre accertato una stretta relazione tra l'esordio alla sessualità e la qualità della sessualità stessa.

Per la prima volta, nel corso del convegno sarà anche illustrato il progetto nazionale di "Valutazione delle patologie del tratto riproduttivo maschile nei militari impiegati nei teatri operativi". Durante i lavori - presieduti dai professori Carlo Foresta e Andrea Lenzi - verranno trattati inoltre altri argomenti come l'individuazione precoce e la frequenza delle anomalie del sistema riproduttivo negli adolescenti, nei militari e a seconda dei comportamenti sessuali, l'analisi dell'influenza di stili di vita e abitudini alimentari con valutazione del modello genetico dell'omosessualità maschile.

Tra i temi, anche le condizioni che fino a un recente passato impedivano la fertilità e le possibili soluzioni (menopausa, sindrome di Klinefelter, paziente oncologico). I relatori presenteranno, inoltre, i primi dati sull'influenza negativa del Hpv (papilloma virus) sulla fertilità dell'uomo e le tecnologie innovative per la diagnosi dell'infertilità e per la selezione genetica dei gameti patologici. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©