Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

IN USA GRANDE RIDUZIONE DEGLI AUTOCONCESSIONARI


IN USA GRANDE RIDUZIONE DEGLI AUTOCONCESSIONARI
30/12/2008, 22:12

L’erogazione del prestito governativo che ha recentemente assicurato la sopravvivenza di GM e Chrysler almeno fino alla prossima primavera, non significa certo che i tempi bui siano finiti per i due colossi americani in difficoltà. Anzi. Il taglio dei costi incombe sui due gruppi, e presto in America si assisterà ad una colossale riduzione delle loro reti di vendita. Ma non si tratterà di una passeggiata.

Le leggi che regolano i rapporti commerciali di franchising infatti, oltre che numerose e spesso complesse, negli Stati Uniti variano da stato a stato e ingarbugliano ancora di più una situazione già di per sé complicata. GM intende tagliare del 27% il numero di concessionari (si parla di ben 1750 showroom, tanto per rendere l’idea) e la manovra verrebbe a costare miliardi di dollari, tra spese legali e liquidazioni.

Tuttavia, si tratta di un passaggio obbligato per due aziende costrette a sforbiciare in maniera definitiva le voci di spesa. Certamente sarà una manovra molto dolorosa in termini finanziari. Basti pensare che quando General Motors chiuse il brand Oldsmobile nel 2004, le sole spese legali affrontate dopo la liquidazione del network di vendita si aggirarono intorno al miliardo di dollari…

Commenta Stampa
di Fabrizio Pirone
Riproduzione riservata ©