Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

INAUGURATO L'HARLEY-DAVIDSON MUSEUM


INAUGURATO L'HARLEY-DAVIDSON MUSEUM
14/07/2008, 14:07

 

 

 Il grande momento è arrivato: dopo due anni di attesa e lavori, condotti a ritmo serrato, si è giunti all'inaugurazione, lo scorso 12 luglio, dell'Harley-Davidson Museum. La struttura, che si distingue per imponenza e sforzo economico richiesto, è stata fortemente voluta dai vertici dell'Azienda, che celebra quest'anno i 105 anni di vita.
A sottolineare l'importanza attribuita a questa tappa, lo stesso Willie G. Davidson ha presentato in anteprima alla stampa, nei giorni scorsi, i tratti fondamentali di un'esposizione che "non sarà statica – ha sottolineato – ma muterà di continuo per offrire uno spettacolo sempre nuovo ai visitatori, offrendo al tempo stesso la possibilità di mostrare la maggior parte possibile degli innumerevoli reperti in possesso di Harley-Davidson".
All'ingresso del Museo è stata posta una statua in bronzo realizzata per l'occasione: rappresenta un corridore di hillclimbing (una competizione che consisteva nello scalare pendii ripidissimi) a grandezza naturale, ed è un regalo privato della famiglia Davidson al Museo e ai suoi visitatori (anche per questo cela riferimenti nascosti ai "Davidson", dall'impronta del pollice di Willie G. alla firma di sua figlia). Ennesima dimostrazione del legame tra l'azienda e i suoi dipendenti è la finitura degli alti muri esterni, ricoperti da migliaia di mattonelle che, poste in opera a mano, recano il marchio Harley-Davidson: 4.700 piastrelle poste a mano da alcuni impiegati dell'azienda.
Al Museo è stato dedicato anche un sito internet, www.h-dmuseum.com, attraverso il quale è possibile acquistare i biglietti di ingresso, il merchandising, effettuare delle visite virtuali e partecipare a iniziative di fidelizzazione come quella intitolata "Get your Rivet", che permette di acquistare una piastra metallica commemorativa (che viene esposta in appositi spazi all'esterno) su cui incidere una frase personalizzata

Commenta Stampa
di Fabrizio Pirone
Riproduzione riservata ©