Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

La Lonardo bacchetta Ronghi, D'Ercole combatte

Inciuci e aranciate dal Consiglio Regionale a Facebook


Inciuci e aranciate dal Consiglio Regionale a Facebook
12/03/2009, 08:03

Sono le 3.30 del mattino e ancora non è terminata la seduta del Consiglio Regionale in Campania. Per sapere di cosa si sta discutendo tra le ‘stanze del potere’ della politica regionale non serve però muoversi da casa. Lo possono sapere, praticamente in diretta, migliaia di persone. Grazie a Facebook.

Uno degli scontri più agguerriti, tra bacchettate ad ammiccamenti, è tra Sandra Lonardo e Salvatore Ronghi. La presidente accusa il consigliere, che nella foto del profilo sul popolare social network siede davanti ad un'aranciata, di distrarsi un po’ troppo durante le sedute, e di parlare senza poter esibire le prove di quello che dice.

“”Caro Salvatore, - dice la Lonardo alle 19.59, - sei sicuro di dire tutta la verita' nient'altro che verita'? simpaticamente...sempre!!!! sandra ( sono sicura che non perderai occasione di "attaccarmi ancora!!! E' lo sport preferito del simpatico Consigliere Ronghi)”

La risposta di Ronghi arriva mezz’ora dopo, alle 20.33:
“La stima nei tuoi comfronti (sic, ndr) è immutata, ti apprezzo e ti rispetto la tengo le prove sull’inciucio che l’UDEUR insieme a FI con il PD”.

Ma quali saranno mai questi inciuci? E le prove, soprattutto, ci sono? Non ne sembra convinta la Lonardo che, alle 2.22, scrive:
“Salvatore, è bene che i Campani sappiano che a richiesta non hai voluto mostrare le prove del presunto inciucio.. distratto a bere l’aranciata…”


E come non apprezzare la guerra del consigliere Francesco D’Ercole, che strenuamente si batte come Masaniello per tutelare la salute dei Campani? Il consigliere alle 12.18 scrive:
Francesco resiste disperatamente ai tentativi di abrogazione della legge che rende obbligatorio l'imbustamento del pane.

E qui, restando nell’ambito di Facebook, potremmo cliccare sul tastino ‘Mi piace”.
Un po’ meno dell’aranciata di Ronghi..

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©