Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Vittime: un 25enne affetto da tetraparesi ed un 65enne obeso

Influenza A: morti due pazienti con gravi patologie pregresse

In veneto i decessi sono 9

Influenza A: morti due pazienti con gravi patologie pregresse
01/02/2011, 19:02

VENEZIA - Un giovane di 25 anni affetto da tetraparesi post traumatica con frequenti infezioni polmonari ed urinarie ed un 65enne che soffriva di obesità: sono queste le ultime due vittime venete risultate positive al virus H1N1.
Il primo paziente è deceduto all'ospedale di Portogruaro, in provincia di Venezia; il secondo si è spento invece all'ospedale Negrar (Verona) dopo esservi stato ricoverato lo scorso 22 gennaio. Per l'anziano, però, l'H1N1 non è risultato tipizzabile.
"L’influenza – ha spiegato l'assessore alla Sanità, Luca Coletto – sta entrando in questi giorni nella fase di picco e purtroppo eventi mortali come questi, in pazienti già gravemente malati o a rischio per condizioni specifiche come l’obesità, rientrano nel normale quadro epidemiologico che ogni anno caratterizza questo periodo. Non c’è quindi da allarmarsi – osserva l’assessore -. Rimane tuttora peraltro valido e pressante l’invito a vaccinarsi per coloro che non l’abbiano ancora fatto, soprattutto se portatori di malattie pregresse. E’ ancora possibile farlo, e lo sarà sino a che l’incidenza settimanale, tuttora in crescita, non inizierà a scendere".
Come ricorda anche il Corriere della Sera, in Veneto, da quando è iniziata l'epidemia, le vittime accertate sono in tutto 9. Nel 2010, la cosiddetta Influenza A, aveva colpito ben 300.000 persone; con 182 ricoveri e soltanto 13 decessi. Una percentuale di mortalità sensibilimente inferiore rispetto a quella solitamente registrata durantre le epidemie d'influenza stagionali che non sono "sponsorizzate" in maniera così serrata dalle case farmaceutiche produttrici di vaccino. A tal proposito, Coletto precisa che le scorte di siero anti-suina sono ancora abbondanti ed invita tutti i "soggetti a rischio" (e non solo) a vaccinarsi prima possibile.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©