Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Registrati già i primi casi, ma è solo l'inizio

Influenza, picco previsto per gennaio


Influenza, picco previsto per gennaio
28/12/2010, 19:12

L’impennata dei casi è prevista da gennaio, anche se già da qualche settimana l'influenza ha cominciato a colpire anche nel nostro Paese. Gli esperti hanno previsto che in Italia non ci sarà alcun allarme, ma una stagione influenzale non particolarmente intensa e con un numero di casi nella media. Inoltre, come anticipato all'inizio di dicembre, il picco di casi è atteso nel mese di gennaio, complice l'abbassamento delle temperature.  I 'nemici' per quest'inverno sono il virus A H1N1, declassato quest'anno da virus pandemico a virus stagionale, ed un virus stagionale di origine australiana. Il ministero della Salute ha posto l'accento sull'importanza della vaccinazione, soprattutto per le categorie a rischio, e delle misure di igiene e protezione individuali utili a prevenire la diffusione del virus influenzale. Con un comunicato, l'Ausl di Forlì consiglia a chi non lo avesse ancora fatto di vaccinarsi al più presto. "Il centro di sorveglianza epidemiologica dell’influenza in Italia - si legge ancora nel comunicato - istituito presso l’Istituto Superiore di Sanità, ha evidenziato come a partire dalla settimana dal 13 al 19 dicembre la curva epidemica delle sindromi influenzali abbia iniziato la sua ascesa. La fascia di età più colpita è quella fra 0-4 anni seguita da quella di età 5-14 anni, mentre la popolazione ultrassessantacinquenne risulta la meno interessata dalla malattia".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©