Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Internet: il tesseramento si fa anche on line, CasaPound Italia lancia i web supporter


Internet: il tesseramento si fa anche on line, CasaPound Italia lancia i web supporter
23/03/2010, 15:03

ROMA - La militanza? Si fa anche sul web. L'idea è di CasaPound Italia, che lancia il tesseramento on line. Un modo per allargare la partecipazione e dare vita a un 'esercito' di militanti virtuali capaci di sfruttare al massimo le potenzialità di diffusione delle idee offerta da internet. La tessera da web supporter costa 10 euro da pagare direttamente on line sul sito internet di Cpi, www.casapounditalia.org, ed è un'iscrizione a tutti gli effetti:
basterà un click e la compilazione del modulo per riceverla direttamente a casa, mentre gli iscritti al social network Facebook avranno anche la possibilità di esporre nel profilo una tessera 'virtuale'.

"Il web è uno spazio di libertà e un veicolo di informazione con il quale non possiamo non fare i conti - sottolinea Cristiano Coccanari, responsabile del progetto per CasaPound Italia - E l'obiettivo di Cpi è utilizzare la rete, un luogo nel quale si gioca ad armi pari e il confronto è totalmente libero, per diffondere idee e fatti che non sempre hanno trovato altrove uno spazio adeguato. Un esempio su tutti:
la verità sugli scontri di piazza Navona non sarebbe mai venuta fuori se non ci fossero stati uno strumento potente come internet e un’agguerrita schiera di militanti pronti a diffonderla ovunque in rete''.

"I web supporter saranno la task force di pronto intervento di Cpi nel mondo di internet - osserva Gianluca Iannone, presidente di CasaPound Italia - Questo implica una grande responsabilità, la stessa che già chiediamo agli iscritti e agli aderenti di CasaPound. E’ un ruolo importante, nel quale crediamo, perché rappresenta al meglio lo spirito del nostro movimento, che è fondato sulla partecipazione di ciascuno secondo le proprie capacità e attitudini. Come già facciamo nelle strade, nelle scuole, nelle Università anche sulla rete il nostro spazio di libertà va preservato e difeso".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©