Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Circa 60 euro in più rispetto agli States e al Canada

Ipad: in Italia costerà di più che negli altri paesi


Ipad: in Italia costerà di più che negli altri paesi
31/05/2010, 21:05

In soli due mesi, la nuova creatura tecnologica di casa Apple, ha già venduto oltre due milioni e mezzo di copie in giro per il mondo. L'intuizione di Steve Jobs si dimostra dunque vincente e decisamente fruttuosa; soprattutto nei paesi dove, la tavoletta touch, costerà fior di quattrini. A proposito di prezzi, ai tecno-patiti non piacerà scoprire che, proprio nel nostro paese, l'Ipad costa decisamente di più rispetto alla media globale.
Come testimoniato da un accurato studio della società australiana CommSec, che ha condotto una ricerca per comprendere dove convenisse maggiormente acquistare l'ultimo gioiello di Cupertino, l'iPad non è infatti venduto agli stessi prezzi e, il suo costo finale, varia anche del 7-8% a secondo dello stato nel quale viene proposto. Per ora sono 10 le nazioni dove è possibile trovare la tavoletta di Apple e, quelle che fanno parte dell'eurozona, risultano le più tartassate. Rispetto a Stati Uniti, Canada ed Australia,in Italia ed Inghilterra si propongono difatti prezzari decisamente più elevati. I motivi, inutile precisarlo, sono dovuti anche e soprattutto alle difficoltà economiche e finanziarie che sta attraverso la moneta unica. 
In soldoni, se un iPad wifi + 3g da 64 giga (il più completo e caro) in America costa 915 dollari (742 euro), nel bel paese lo stesso modello arriva a costare 800 euro. Un differenza di circa l'8% che sembra tutto sommato "tradizionale" rispetto ai prodotti made in Usa che vengono poi esportati nel resto del globo. In paesi come gli States, Il minor costo di un certo tipo di merce, infatti, non è certo una novità ed è anzi un fenomeno conosciuto praticamente da sempre e causato proprio dal maggior potere d'acquisto dell'America del Nord.
Intanto, Jobs, si gode lo strepitoso (e forse inaspettato) successo della sua ultima creazione; ammettendo che, in casa Apple, non erano preparati per una richiesta così pressante e radicata. Come noto, del resto, da Cupertino sono stati costretti a rimandare il lancio di Ipad di circa un mese proprio a causa di carenza pezzi. E la crisi? Alla mela morsicata non sanno nemmeno cosa sia...

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©