Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Ma resta fanalino di coda in Europa per accesso alla rete

Italiani popolo social: sempre più famiglie con pc


Italiani popolo social: sempre più famiglie con pc
20/12/2011, 18:12

ROMA - Italiani popolo 'social', con sempre più computer in casa ma fanalino di coda nell'accesso a Internet in Europa e con una bassa penetrazione della banda larga: è questo il quadro del nostro Paese offerto dal report Istat “Cittadini e nuove tecnologie”. Sale in Italia il numero di famiglie in possesso di nuove tecnologie. L'Istat rileva che, rispetto al 2010, cresce la quota di nuclei familiari che nell'anno in corso possiede un personal computer (dal 57.6% al 58.8%), l'accesso a Internet (dal 52.4% al 54.5%) e una connessione a banda larga (dal 43.4% al 45.8%). Se si confronta la disponibilità di pc, accesso al web e banda larga, il divario tra i nuclei in cui il capofamiglia è un operaio e quelli in cui è un dirigente, un imprenditore o un libero professionista è di circa 24 punti percentuali a favore di questi ultimi. Inoltre, il 41.7% delle famiglie dichiara di non possedere l'accesso al web perchè non ha le competenze per utilizzarlo; il 26.7% considera Internet inutile e non interessante, il 12.7% non ha accesso al web da casa perchè accede da un altro luogo, l'8.5% perchè considera costosi gli strumenti necessari per connettersi e il 9.2% perchè ritiene eccessivo il costo del collegamento. Quanto all'utilizzo, dal 2010 al 2011 si mantiene praticamente stabile il numero di persone che hanno fatto ricorso a Internet per ottenere informazioni dai siti della Pubblica Amministrazione, sebbene si registri un calo percentuale (dal 37.8% al 35.1%) dovuto alla crescita di coloro che utilizzano Internet per altri motivi. Italiani popolo 'social': nel 2011 quasi un internauta su due è su un social media, il rapporto è di tre su quattro per i giovani. Secondo l'Istat il 48.1% degli utenti Internet crea un profilo utente, invia messaggi o altro su Facebook, Twitter. E la quota sale al oltre il 76% per i ragazzi di 15-24 anni. Inoltre, il 26.3% degli italiani con oltre 14 anni che ha navigato su Internet ha effettuato acquisti online (sono circa sette milioni di individui). Nonostante la crescita di web e pc, l'Italia è però in ritardo rispetto all'Europa. Considerando la percentuale di famiglie con almeno un componente tra i 16 e i 74 anni che possiede un accesso a Internet da casa, a fronte di una media europea pari al 73% l'Italia si posiziona solo al ventiduesimo posto della graduatoria internazionale con un valore pari al 62% ed equivalente a quello registrato per la Lituania. Anche in una analisi dinamica, il nostro Paese ha performance più modeste rispetto ad altri partner europei che presentano un analogo ritardo nei livelli di diffusione della rete. Ad esempio la Spagna, che nel 2010 presentava la stessa quota di accesso a Internet da casa (59%) nell'ultimo anno ha registrato un incremento del 5%, mentre l'Italia è cresciuta solo del 3%. Un altro indicatore importante per misurare il digital divide è dato dalla quota di famiglie con almeno un componente tra i 16 e i 74 anni che possiede un accesso al web mediante banda larga: anche in questo caso l'Italia si colloca in fondo alla graduatoria, con un tasso di penetrazione del 52%, rispetto alla media europea del 68%. Valori vicini a quello dell'Italia si riscontrano per la Slovacchia (55%) e Cipro (56%), mentre Svezia, Danimarca, Olanda e Finlandia registrano un tasso di penetrazione che supera l'80%. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©