Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

La società gestisce la produzione di energie riciclabili

La A2A assicura: "Termovalorizzatore di Acerra un'eccellenza"


.

La A2A assicura: 'Termovalorizzatore di Acerra un'eccellenza'
07/07/2011, 16:07

NAPOLI – Conferenza stampa della A2A azienda leader nella multiutility dell’ energia. In Campania a loro è affidata la gestione del termovalorizzatore di Acerra sempre al centro di polemiche legate al funzionamento spesso insufficiente o addirittura inesistente. Ebbene è proprio il Presidente della società Giuliano Zuccoli a smentire l’inefficienza dell’ impianto , mostrandosi anche orgoglioso di questi, che egli stesso definisce il migliore, anzi fiore all’ occhiello della sua società perché all’avanguardia per progettazione e realizzazione. La società a2a gestisce non solo termovalorizzatori in Italia ma anche alcuni in Europa. Nel 2010 la filiera ambientale del gruppo a2a ha raccolto 976000 tonnellate di rifiuti e ne ha smaltite 3279 tonnellate, producendo energia elettrica per 1629 GWh. In Campania tramite la controllata Partenope Ambiente ,gestisce anche l impianto di trattamento di Caivano. Fulcro della conferenza, far conoscere Partenope Ambiente e correggere delle puntualizzazioni su Acerra. Il termovalorizzatore della cittadina in provincia di Napoli brucia 1700 tonnellate di rifiuti al giorno, ed oggi opera all’ 80% delle sue potenzialità producendo 730 KWh da ogni tonnellata di rifiuti inceneriti, quantità di energia elettrica sufficiente al fabbisogno di una famiglia media; dato questo che pone, la produzione di energia più alta d’ Europa.” Al nostro insediamento ad Acerra abbiamo dovuto effettuare alcuni interventi di modifica atti a migliorare le prestazioni dell’ impianto di termovalorizzazione, ed oggii risultati ci premiano” questa la dichiarazione del Presidente Zuccoli, che però alla domanda sulla sorte dei 7 milioni di eco balle che abbiamo in giacenza, risponde dinon poter rispondere, anzi precisa: “Non so, non posso rispondere, è una questione delicata sulla quale bisogna riflettere “.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©