Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

LA BILANCIA CONTA DUE CHILI IN PIU’ DOPO LE "ABBUFFATE NATALIZIE"


LA BILANCIA CONTA DUE CHILI IN PIU’ DOPO LE 'ABBUFFATE NATALIZIE'
02/01/2009, 11:01

Dopo le feste gli italiani hanno riscontrato in media un aumento di peso di circa due chili, effetto delle feste per tutti coloro i quali non hanno saputo resistere alle tradizionali leccornie natalizie. E’ quanto si evince dalle stime della Coldiretti, secondo le quali, a detta degli esperti, durante le feste di fine anno sono state assunte in media 15mila-20mila chilocalorie in più per l’effetto combinato del maggior consumo di cibi calorici abbinato a bevande alcoliche. Gli italiani hanno consumato oltre 100 milioni di chili tra pandori e panettoni, 60 milioni di bottiglie di spumante, 20 mila tonnellate di pasta, 8 milioni di chili di cotechino e frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi e dolci per un valore complessivo di oltre 5 miliardi di euro, solamente tra il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno. Oltre al “disordine alimentare”, sull’incremento di peso ha influito anche una maggiore sedentarietà per le lunghe soste a tavola con parenti e amici, che, osserva l’organizzazione agricola, hanno ridotto l’attività fisica favorendo gli accumuli. Per rimediare alle "abbuffate natalizie", la Coldiretti ha stilato una lista degli alimenti utili a disintossicare l’organismo: tra la frutta, da non dimenticare arance, mele, pere e kiwi, mentre le verdure particolarmente indicate sono spinaci, cicoria, radicchio, zucche e zucchine, insalata, finocchi e carote. Tutte le insalate e le verdure vanno condite con olio d’oliva e abbondante succo di limone che purifica l’organismo dalle tossine, fluidifica e pulisce il sangue, oltre ad essere un ottimo astringente e una cura efficace per l’iperacidità gastrica.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©