Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Quando si muore di disinformazione (e lassismo)

La Campania e l'epidemia cancerogena che non fa notizia


La Campania e l'epidemia cancerogena che non fa notizia
01/12/2009, 19:12

NAPOLI- Quanti di noi conoscono in maniera abbastanza precisa il numero di morti causati dall'influenza A? Probabilmente un gruppo di persone decisamente rilevante data la "gara alla notizia" in corso in pratica su ogni mezzo di comunicazione nazionale e locale. Ogni decesso causato (in maniera quasi sempre indiretta e per colpa di patologie pregresse) viene infatti meticolosamente e solertemente monitorato e posto all'attenzione dei cittadini. Anche la stampa, dunque, cade colpevolmente nel retino del terrore indotto e della sovracomunicazione; preoccupandosi, con fare ossessivo, di seguire un'epidemia influenzale come tante che, a differenza delle tante, ha anche visto una copiosa, celere (e dispendiosa) fornitura di vaccini.
Tralasciando tutte le questioni legate alle tesi complottiste e alle accuse nei confronti della case farmaceutiche, in questo articolo, ci interessa prendere in analisi un'altra epidemia, più silente, "bastarda" e difficile da monitorare rispetto a quella influenzale. L'epidemia in questione è quella cangerogena da anni denunciata da Angelo Ferrillo, da centinaia di "volontari della salute pubblica" e dal loro sito
www.laterradeifuochi.it. Del resto un tumore se la prende comoda quando ti ghermisce: non ti uccide nel giro di qualche giorno ma, con fare cinico e sordido, può comparire e toglierti la vita anche dopo 10 o addirittura 15 anni; magari quando ti trovi da diverso tempo lontano dalla zona nella quale l'hai contratto.
Ma cosa fa della Campania la regione d'Italia con il più alto tasso di PM10 ed agenti tossici e cancerogeni d'Italia? Secondo le testimonianze (e sono centinaia) raccolte da Ferrillo e da tutti i cittadini che si sono preoccupati di registrare oltre 400 video di denuncia, il grosso dell'inquinamento è determinato dalle decine di roghi abusivi che vengono appiccati giornalmente in oltre 40 comuni tra Caserta e Napoli. Si incendiano copertoni, elettrodomestici e diversi generi di rifiuti altamente tossici in pratica tutti i giorni; con un danno ambientale incalcolabile ed annualmente denunciato anche da Legambiente. Infondo non è difficile intuire quanto, questo tipo di incendi, riescano ad inquinare in un solo colpo tutti gli elementi naturali: acqua (con la contaminazione delle falde) terra (con l'inquinamento dei terreni che vengono poi usati per le coltivazioni) aria (con lo sprigionamento di diossina ed altre sostanze altamente nocive).
Dietro i roghi, manco a dirlo, c'è la criminalità organizzata. Bruciare i copertoni comporta infatti il recupero e la vendita del rame mentre, eliminare rifiuti speciali e rifiuti ingombranti usando le fiamme, permette di abbattere i costi di smaltimento. L'infausto lavoro viene poi in prevalenza "appaltato" ai gruppi di Rom presenti nell'interland casertano e napoletano con un duplice effetto: aumento del sentimento d'odio razzista e peggioramento della qualità della vita delle popolazioni nomadi.
Del resto si sa: dove c'è ignoranza e miseria attecchisce con gran vigore e profondità la camorra. Così, mentre le istituzioni si impantanano tra promesse, dichiarazioni, annunci, indignazioni di convenienza e interrogazioni parlamentari di dubbia utilità, il signor Piero Rossi respira la sua dose quotidiana di diossina mentre accompagna i suoi bimbi a scuola, gioca a calcetto, va in bicicletta ecc...tra 10 anni si accorge di avere un "problema ai polmoni" senza però aver mai fumato. A questo punto sorge spontanea una domanda-considerazion: e se, da domani, si cominciasse a monitorare con lo stesso fare certosino che si utilizza con i deceduti per l'influenza A anche il numero di persone uccise dal cancro e residenti in Campania? Certo: determinare le cause precise che hanno causato un tumore è alquanto difficoltoso ma, se venissero giornalmente presentati i numeri allarmanti di questa epidemia, diffusa quanto sottaciuta, magari la dormiente e disinformata coscienza collettiva sarebbe spinta a mobilitarsi...magari, insieme ad Angelo Ferrillo, manifesterebbero per il diritto alla salute non centianaia ma decine di migliaia di persone. Di certo, da quanto si sa, le chiacchiere dei politici come cura per il cancro sono e saranno sempre piuttosto inefficaci; o no?

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©