Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La cioccolata riduce di un terzo le malattie cardiache

Il consumo di fondente migliora la pressione sanguigna

La cioccolata riduce di un terzo le malattie cardiache
30/08/2011, 15:08

La ricerca, pubblicata dal British medical Journal e presentata a Parigi in occasione del congresso europeo di cardiologia, rende noto che la cioccolata riduce di un terzo il rischio di malattie cardiache. L'Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che nel 2030 circa 23milioni di persone moriranno a causa di tali patologie. Per fronteggiare tale emergenza sarà dunque fondamentale lo stile di vita che la popolazione mondiale adotterà in questi anni e la prevenzione che sarà messa in atto con l'alimentazione. Lo studio delle evidenze scientifiche ha permesso di calcolare che ad alti livelli di consumo di cioccolato corrisponde una riduzione del 37% delle malattie cardiovascolari e una riduzione del 29% degli infarti comparati con coloro che hanno una basso consumo di questa sostanza. Lo studio non fa differenze fra cioccolato nero o bianco e include in sostanza ogni forma di preparazione: dalle semplici tavolette ai dessert. Ma l'autore della ricerca, Oscar Franco che assieme ai colleghi dell'Universita' di Cambridge hanno calcolato i benefici di questo alimento, mette in guardia dalle calorie di questi cibi (circa 500 per 100 grammi) e sugli effetti che questi hanno sul peso e sul rischio diabete. Anche altri recenti studi ne avevano riabilitato la reputazione: non solo spauracchio per chi non deve ingrassare ma anche fattore protettivo per l'ictus, avevano stabilito. Sarah Sahib della McMaster dell' University di Hamilton, Canada ha infatti scoperto lo scorso anno che il cioccolato, ricco di antiossidanti della famiglia dei flavonoidi, e' risultato capace di proteggere i vasi sanguigni, soprattutto il fondente che e' meno grasso e piu' ricco di antiossidanti.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©