Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

La e-up! alla conferenza sul bilancio del Gruppo Volkswagen


La e-up! alla conferenza sul bilancio del Gruppo Volkswagen
16/03/2013, 11:30

Con la up! a trazione elettrica, la Volkswagen sta per scrivere un nuovo capitolo della storia della mobilità. La “silenziosa” quattro posti è stata esposta per la prima volta ieri a Wolfsburg in occasione della conferenza stampa annuale sul bilancio del Gruppo Volkswagen. Con un’autonomia di 150 km (ciclo NEDC), rappresenta un’ottima soluzione per le necessità quotidiane, e un concetto di automobile pionieristico, ideale per la mobilità urbana ma anche per i pendolari o come innovativa seconda auto di famiglia. Consente di gestire senza difficoltà un’autonomia di 150 km e permette la ricarica dell’80% della batteria in 30 minuti. Il suo motore elettrico fornisce una potenza continua pari a 40 kW/55 CV con un valore di picco di 60 kW/82 CV, oltre a 210 Nm di coppia immediatamente disponibili. La eup!, che pesa 1.185 kg, accelera da 0 a 100 km/h in 14” e raggiunge la velocità massima di 135 km/h. L’energia è fornita da una batteria agli ioni di litio da 18,7 kWh alloggiata sotto il pianale. La presa per ricaricare la batteria è installata sotto il classico sportellino dove normalmente si trova il bocchettone per il rifornimento del carburante. A richiesta si può avere il Combined Charging System (CCS), sistema di ricarica standardizzato dalla Volkswagen con altri Costruttori che permette di utilizzare corrente continua (DC) o alternata (AC), potendo scegliere i più diversi punti di ricarica. Lo stile della e-up! è elegante ed esprime qualità. Un elemento caratterizzante sono le luci diurne a LED anteriori con design curvilineo e, inoltre, si fanno notare le specifiche soluzioni aerodinamiche nel frontale e nell’area sottoporta delle fiancate. I cerchi in lega da 15” con finitura lucida sono specifici per la e-up!. In autunno la e-up! sarà esposta per la prima volta a un salone dell’auto in occasione dell’IAA di Francoforte.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©