Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Ancelotti concede a John Terry qualche giorno di pausa

La ex di Wayne Bridge se la spassava con mezzo Chelsea


La ex di Wayne Bridge se la spassava con mezzo Chelsea
04/02/2010, 18:02

LONDRA - La vicenda che ha travolto il capitano del blasonato Chelsea John Terry rischia di diventare ancora più imbarazzante ed allettante per gli amanti del gossip di quanto si potesse immaginare. Oltre a Terry, infatti, la bella e provocanta Vanessa Perroncel, avrebbe avuto una love story decisamente scabrosa con almeno altri tre giocatori blues. Sul "Sun" compaiono infatti i nomi di Adrian Mutu, Eidur Gudjohnsen ed un altro calciatore sempre in squadra nel Chelsea.
Del resto, la modella francese, non ha mai nascosto la sua irrefrenabile passione per tutti gli uomini che tirano calci ad un pallone; costringendo il povero oramai ex ragazzo Wayne Bridge a subire diversi ed imbarazzanti "goal" con tanto di "penetrazione dalle fasce".
E di "penetrazioni" la Perroncel è a quanto sembra decisamente esperta; dato che contando anche Terry le sue relazioni con le stelle della famosa squadra londinese arriverebbero addirittura a 5.
Intanto, il club di Stanford Bridge tenta di fare cerchio intorno al suo forte capitano e, per farlo riposare dalla pioggia di polemiche e scandali, gli concede qualche giorno di pausa dagli allenamenti. Quasi sicura è infatti l'assenza del difensore inglese alla partita di coppa d'Inghilterra con il Cardiff. Anche Carlo Ancelotti si dimostra comprensivo con Terry e dichiara infatti che "se avrà bisogno di qualche giorno libero per pensare ai fatti suoi, glielo concederò".
Riassumendo, dunque, un giocatore inglese strafamoso e strapagato (anche sposato e con figli) va a letto con una bella modella francese e viene "pizzicato" dai tabloid britannici; rischiando il suo grado di capitano della nazionale inglese e l'intero matrimonio. Intanto, Vanessa, contatta uno dei pr britannici più quotati (Max Clifford) e valuta a quale offerente vendere la sua storia.
Tutta la vicenda può apparire incredibilmente frivola e superflua ma, guardata con la giusta attenzione, può invece spingere a diverse riflessioni su quanto il mondo sia irrimediabilmente ingiusto e sempre più avido e sciatto. Considerazioni retoriche e moraliste a questo punto si sprecherebbo ma noi, che odiamo il moralismo ma crediamo ancora nella morale, speriamo di cogliere tra i nostri lettori qualche spunto interessante su una storia che ha tanto di deprimente e nulla di scontato.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©