Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

L’attivista lesbo siriana era in realtà uno statunitense

La grande bufala di "A Gay Girl in Damascus"


La grande bufala di 'A Gay Girl in Damascus'
13/06/2011, 10:06

Questo blog ha le carte in regola per rimanere alla storia come la bufala del secolo, infatti è stato scoperto che Il blog della ragazza gay di Damasco, "A Gay Girl in Damascus" era scritto in realtà da un certo Tom MacMaster statunitense, ed attualmente vive in Turchia. I post del blog della presunta Amina Arraf erano stati ripresi da molti media statunitensi convinti di leggere le confessioni della dura vita di una ragazza lesbica residente nella capitale siriana. E non è finita qui: dopo la pubblicazione del post in cui si annunciava il sequestro della ragazza da parte delle forze di sicurezza siriane, migliaia di persone avevano chiesto la sua liberazione tramite apposita pagina facebook. Poi le indagini di alcuni giornalisti hanno scoperto la "bufala" e da ieri sono apparse sul blog le scuse dell'autore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©