Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La luce ti fa bella: ringiovanire con il laser in un weekend


La luce ti fa bella: ringiovanire con il laser in un weekend
15/02/2010, 12:02

Dopo il botulino, negli Stati Uniti è l'intervento che è cresciuto più rapidamente negli ultimi 10 anni, registrando un incremento di quasi il 300 per cento (dati American Society for Aesthetic Plastic Surgery). Il laser, tra le tecnologie che hanno rivoluzionato i trattamenti di bellezza, si propone come una delle soluzioni più efficaci per contrastare il passare degli anni. Tra le ultime novità c'è il laser Co2 con sistema scanner che permette un'applicazione sia frazionata, sia tradizionale; un trattamento sempre più apprezzato anche in Italia: «Rimanda indietro le lancette dell'orologio, cancellando sia i segni che col tempo hanno imbruttito la pelle, come acne, fumo, macchie ed eccessiva esposizione ai raggi solari, sia le tracce di invecchiamento, eliminando le rughe», spiega Patrizia Gilardino, chirurgo estetico socio della Società italiana di chirurgia plastica e ricostruttiva (Sicpre). «La pelle torna a essere liscia, compatta, tonica e luminosa».
Come funziona? La tecnica si basa su un sistema di scansione che permette di creare micro lesioni puntiformi sulla cute; con lo scanner il raggio laser viene distribuito in modo da non danneggiare la pelle, ma al contrario, «stimolandone una rigenerazione tramite la liberazione e produzione di fattori di crescita e altre molecole che promuovono la moltiplicazione delle cellule e la produzione di nuovo collagene», puntualizza Gilardino. Così in poco più di un'ora e mezza, e facendo una sola seduta, è possibile cancellare dal volto i segni dello stress, di un'alimentazione non corretta, del fumo e persino dell'inquinamento.
«Secondo quanto viene confermato da un'ampia documentazione delle cliniche americane, la sintesi di elastina e collagene che viene stimolata continua per circa 8 mesi, garantendo così una stabilizzazione dei risultati almeno per i successivi tre anni», continua la dottoressa. «Con questa metodica è possibile intervenire su rughe sottili, eliminare situazioni antiestetiche che difficilmente in altro modo potrebbero essere rimosse - parliamo di macchie cutanee, fibromi cutanei e dei segni dell'acne - in una sola seduta». La convalescenza è di pochi giorni e il risultato è visibile per almeno un anno. Importante è rivolgersi a medici esperti.
«Il trattamento può anche essere "diluito" in più sedute, da effettuare a distanza di circa un mese l'una dall'altra, utilizzando intensità laser inferiori: in questo caso i risultati si avranno dopo alcuni mesi», conclude Gilardino. In ogni caso, per mantenere l'efficacia del trattamento è sempre buona cosa avere cura della propria pelle. «L'utilizzo di creme idratanti permette di prolungare gli effetti del trattamento», raccomanda la dottoressa.
Il costo di una seduta parte dai 500 euro e varia a seconda dell'intensità utilizzata e delle aree trattate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©