Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La mela regina dei frutti, dalle proprietà curative

Colite, ritenzione idrica e anticolesterolo

La mela regina dei frutti, dalle proprietà curative
14/04/2011, 13:04

Mangiare mele aiuta ad abbassare il livello di colesterolo (“cattivo” o LDL) nel sangue. una ricerca scientifica americana ha provato, che una o due mele al giorno sono in grado di agire sui grassi che si depositano nelle nostre arterie, e diminuirne la quantità. La mela è un frutto di forma e colore vari. La coltivazione del melo, risale all’età della pietra e le varietà di mele oggi commercializzate sono più di mille. Si trova in commercio durante tutto l’anno.

Le mele rappresentano una fonte dietetica essenziale di polifenoli (circa il 22% dei polifenoli necessari vengono assunti attraverso questi frutti). La quota di polifenoli di una mela va da 110 a 347 mg per 100 g di parte edibile (quella che si mangia) fresca. Nelle mele sono presenti anche discrete quantità di flavonoidi. Si pensi che nel corso di uno studio sono stati estratti oltre 12 kg di flavonoidi da circa un quintale di mele rosse (del tipo Delizia), e dalla sola buccia!

In questo frutto è presente un vero patrimonio di sostanze antiossidanti e protettive nei confronti del cancro. I ricercatori hanno quindi attribuito la gran parte delle proprietà benefiche delle mele alle bucce, piuttosto che alla polpa fresca. Ecco perché occorre acquistare mele biologiche e mangiarle con la buccia.
Le vitamine della mela: tiamina (vit. B1) 0,02 mg; riboflavina (vit. B2) 0,02 mg; niacina (vit. B3) 0,30 mg; acido folico (vit. B9) 1 mcg; vit. A 8,00 mcg; vit. C 5 mg.
I sali minerali della mela: sodio 2 mg; potassio 120 mg; ferro 0,3 mg; calcio 6 mg; fosforo 12 mg; zinco 0,1 mg.
Perché la mela fa bene: è indicata in caso di colite, ritenzione idrica, diete dimagranti; può essere consumata in caso di diabete. La mela ha proprietà antinvecchiamento e anticancro. A differenza di altri frutti, non favorisce le fermentazioni intestinali.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©