Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La bellezza che viene dallo spazio

La NASA mette a punto una bevanda anti età

Cameriere per me un As10, grazie…

La NASA mette a punto una bevanda anti età
29/05/2012, 18:05

Esporsi ai cocenti raggi del sol leone per conquistare una perfetta “doratura” senza il rimorso di “assorbire” anche radiazioni indesiderate? Oggi si può! Direttamente dallo spazio una buona notizia per gli amanti della tintarella. Si sa, il sole insieme al colore accentua, purtroppo, anche le nostre rughe ed è causa di numerosi inestetismi. Riuscire a cancellare almeno le rughe d’espressione è tra ‘i sogni più sognati’ di molti, e si direbbe che un gruppo di ricercatori della NASA ci sia andato molto, molto vicino. Si tratta di una bevanda che assumono gli astronauti per proteggersi dalle radiazioni dello spazio cui sono esposti durante le loro missioni. L’elisir della giovinezza si chiama AS10, ed è un super concentrato di frutta e verdura dalle spiccate proprietà antiossidanti. Tanti gli ingredienti che compongono la “pozione portentosa”: dalla melagrana al tè verde, dall’acerola all’uva, fico d’india ed estratto di frutti esotici, tanto per citare i “principi attivi” più comuni. La bevanda anti età è stata testata su un gruppo di 180 persone dai ricercatori dello Utah. Prima di cominciare il percorso di “ringiovanimento”, a tutti partecipanti è stata scattata una fotografia allo scopo di mettere a confronto lo stato della pelle prima e dopo il follow-up che si è prolungato per l’arco di 4 mesi. I volontari dovevano assumere la bevanda due volte al giorno. Alla fine del test sono state scattate delle altre foto, e dai risultati è emersa una riduzione delle rughe del 17%, e delle macchie della pelle (causate dai raggi UV) del 30%. Secondo l’autore principale dello studio, il dottor Aaron Barson, le sostanze antiossidanti presenti nell’AS10 sarebbero in grado di contrastare l’effetto dei radicali liberi (ROS), permettendo il risanamento della pelle in modo del tutto naturale, rallentando il processo d’invecchiamento dei tessuti. Ora, acclarato che vitamine ed estratti fitochimici siano validi alleati nella lotta contro il temuto invecchiamento cutaneo, e che la loro azione sia altamente efficace nel contenere i danni di quei nemici giurati che rispondono al nome di radicali liberi, non sarebbe un gesto carino da parte della NASA rivelare ingredienti e quantità della prodigiosa bevanda così da consentirne una facile operazione fai da te? Non si scoraggi chi con la mente stava già sorseggiando il provvidenziale drink anti-age, ma qualcosa ci suggerisce che probabilmente alla NASA “siano in altre faccende affaccendati” e che pertanto, sia decisamente più facile, per chi lo ritenga opportuno, cominciare col rincarare le dosi di frutta e verdura. Per una bellezza a prova di astronauta!

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©