Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Titano, Marte, comete e NEO le priorità

La NASA stanzia diversi milioni per progetti previsti nel 2016


La NASA stanzia diversi milioni per progetti previsti nel 2016
09/05/2011, 11:05

L’agenzia spaziale americana ha commissionato studi di fattibilità su tre progetti con tre milioni di dollari al fine di renderne operativo almeno uno per l’anno 2016. Ci sarà una verifica finale nel 2012 che assegnerà il premio di circa 400 milioni di dollari per mettere in atto la missione selezionata, esclusi i costi del volo. Il ventaglio di missioni spaziali passato al vaglio della giuria comprenderà progetti utili a capire l’origine del sistema solare ed il suo dinamismo.

Già è stata stilata una lista delle probabili missioni che dovrebbero contendersi il premio finale e che riportiamo di seguito:


Geophysical Monitoring Station (GEMS) che studierà la struttura e la composizione dell’interno di Marte.

Titan Mare Explorer (TiME) che fornirà la prima esplorazione diretta dell’oceano di metano su Titano, luna di Saturno.

Comet Hopper che analizzerà l’evoluzione delle comete atterranto più volte sullo stesso corpo celeste in modo tale da osservare la sua interazione con il sole.

Primitive Material Explorer (PriME) che ha l’obiettivo di sviluppare uno spettometro di mass ache fornirà degli strumenti di alta precisione per misurare la composizione chimica di una cometa.

Whipple: Osservare al di fuori del sistema solare svilupperebbe e validerebbe una tecnica definita blind occultation che permetterebbe di scoprire altri oggetti in altri sistemi solari, rivoluzionando il nostro modo di scrutare l’infinito.

NEOCam: questo progetto prevedee l’implementazione di un telescopio che studi l’origine e l’evoluzione dei NEO con lo studio delle probabilità d’impatto che questi potrebbero avere sulla terra. Oltre allo studio è prevista anche la catalogazione ed un’accurata misurazione agli infrarossi.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©