Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

La nuova Ibiza CUPRA: Anima sportiva SEAT


La nuova Ibiza CUPRA: Anima sportiva SEAT
31/01/2013, 10:18

Design accattivante, prestazioni eccezionali e tecnologia all’avanguardia: la nuova Ibiza CUPRA incarna, come nessun altro modello, l’essenza più pura del marchio SEAT. Oltre alle dimensioni compatte e all’elevata funzionalità, la nuova Ibiza CUPRA rivela un carattere sportivo adatto all’uso quotidiano, e vanta cifre davvero impressionanti: accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 6,9 secondi e velocità massima di 228 km/h rendono la Ibiza CUPRA uno dei modelli più dinamici nella sua classe. In termini di prestazioni, la nuova CUPRA risulta essere ancora più sorprendente ed efficiente della versione precedente: un consumo medio di appena 5,9 litri/100 km a fronte di soli 139 grammi per chilometro di emissioni di CO2. Questa ibiza CUPRA scrive un nuovo capitolo di una storia già ricca di successi. Dal lancio nel 1997 della prima generazione, elevate prestazioni dinamiche hanno sempre contraddistinto i modelli CUPRA fino a farle diventare un’icona del marchio SEAT. CUPRA, che sta per “Cup Racing”, è un titolo riservato ai modelli più sportivi della Casa spagnola. Oltre a 180 CV (132 kW) di potenza, cambio DSG a doppia frizione a 7 rapporti, differenziale elettronico XDS e impianto frenante a elevate prestazioni, la nuova Ibiza CUPRA offre soluzioni tecnologiche high-tech e innovative. Il SEAT Portable System, disponibile su richiesta, ne è un esempio: consente di gestire contemporaneamente divertimento, navigazione, telefono e informazioni sulla vettura ed essendo estraibile ne consente anche un utilizzo mobile. “La Ibiza CUPRA è una vera icona del marchio SEAT. Design straordinario e dinamica eccezionale garantiscono sempre il massimo piacere di guida” afferma James Muir, Presidente della SEAT S.A. “Le tecnologie innovative, i nuovi interni e la qualità migliorata della nuova Ibiza CUPRA testimoniano concretamente come la Marca stia crescendo in modo rapido e costante”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©