Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Per chi la utilizza migliora anche la vita sessuale

La pillola anticoncezionale piace ad 8 donne su 10


La pillola anticoncezionale piace ad 8 donne su 10
22/05/2010, 14:05

Della serie "e chi l'avrebbe mai detto"? A quanto pare ben 8 donne su 10 utilizzerebbero la pillola anticoncenzionale per un duplice motivo, unendo l'utile al dilettevole. Secondo il sondaggio“Scegli tu", promosso dalla Società italiana di ginecologia e ostetricia e presentato proprio dall’Aja, infatti, l'80% delle signore che hanno come migliore compagna di letto la famosa pillola, la sceglierebbero non solo per evitare gravidanze indesiderate ma anche perchè migliora la qualità della vita sessuale.
Per la stragrande maggioranza delle signore che hanno partecipato al sondaggio, dunque, l'utilizzo del farmaco lanciato sul mercato da oramai 50 anni, avrebbe prodotto un aumento ed un miglioramento dell'attività sotto le lenzuola pari al 100%. Come si legge anche su Barimia.it, tale convinzione è stata confermata persino da chi prima non ne faceva uso per paura degli ormoni (31%), perché il partner era contrario (27%) o per ragioni religiose (19%).
E così, dall'Università di Milano, Pier Giorgio Crosignani rilancia l'encomio all'anticoncenzionale sostenendo che "la pillola ha permesso alle donne di scegliere come e quando diventare madri migliorando così le loro possibilità di autonomia e la stessa aspettativa di vita". In ogni caso, nonostante gli elogi di alcuni esperti e certi sondaggi, è sempre bene non farsi trasportare dall'entusiasmo quando si assumono farmaci di qualsiasi tipo; anticoncenzionali in primis.
Certo è che, rispetto al 1960 (anno di lancio), questa capsula libertina ha conosciuto diverse evoluzioni fino ad eliminare buona parte degli effetti indesiderati un tempo considerati un freno importante per il suo utilizzo. In ogni caso, giova ribadirlo, non è consigliabile utilizzare questo tipo di contraccettivo con grande leggerezza e soprattutto è ovviamente altamente sconsigliato l'abuso.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©