Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Common Rail, Lusso ed equipaggiamenti di alto livello

La Seat Exeo: prima berlina "d'Emocion"


La Seat Exeo: prima berlina 'd'Emocion'
12/02/2009, 21:02

La SEAT entra nel segmento delle berline e lo fa in grande stile, con un'auto importante. La SEAT Exeo, infatti, pur mantenendosi su prezzi competitivi, rientra tra i modelli più avanzati della categoria. La Casa spagnola si affaccia al segmento D proponendo un prodotto in cui comfort e spaziosità si uniscono alla tradizionale filosofia sportiva che caratterizza tutti i suoi modelli.

La SEAT Exeo viene proposta in sei motorizzazioni, tre benzina e tre Diesel "common rail", tecnologia che il Marchio adotta per la prima volta. Tutta la gamma soddisfa i severi requisiti in fatto di emissioni della normativa EURO 5 e presenta tre diversi allestimenti: Reference, Style e Sport.

La novità del segmento

L'introduzione della SEAT Exeo rappresenta l'ingresso del Marchio spagnolo nel segmento D che, per importanza, è al terzo posto nel mercato a livello europeo. Questo, oltre a favorire l'acquisizione di nuovi Clienti da parte della Casa spagnola, consentirà agli attuali possessori di un'auto SEAT di accedere a un modello di categoria superiore. Molti di questi nuovi Clienti, inoltre, verranno dal settore dei “veicoli aziendali” che rappresentano un'ampia percentuale delle vendite di questo segmento.

Lo stabilimento di Martorell si è preparato in tempi record ad accogliere la produzione della SEAT Exeo. Il processo di preparazione, nel suo complesso, è durato appena 18 mesi: questo è bastato per sviluppare e rendere operativi i 15.000 metri quadrati destinati alla produzione della nuova berlina. Tra le versioni berlina e station wagon, la linea di montaggio è in grado di realizzare 450 carrozzerie al giorno anche se, inizialmente, il ritmo di produzione sarà inferiore. Per raggiungere la massima produttività, si è applicato il sistema Shingijutsu, finalizzato a ottimizzare tutti i processi per ottenere la massima qualità nel minor tempo.

Già al primo sguardo s'intuisce chiaramente la personalità della Exeo. Per dimensioni e per i numerosi stilemi propri del segmento di riferimento, la SEAT Exeo si presenta senza dubbio come una berlina. La personalità della vettura è accentuata nel frontale dalla linea detta “Arrow Design”, dalla linea della cintura alta e dalle forme molto omogenee.

Anche il telaio mostra chiaramente il DNA del Marchio. Dotata di sospensioni multilink su entrambi gli assi, la neonata di Casa SEAT presenta una configurazione di assetto che le consente di avere un comportamento su strada dinamico e molto sportivo, tenuto conto delle sue dimensioni.

Arriva il “common rail”

La SEAT Exeo non segna soltanto l'ingresso del Marchio nel segmento delle berline, ma rappresenta anche l'introduzione dei motori Diesel con sistema “common rail” o a collettore comune. Questa soluzione consente di migliorare i livelli delle emissioni e di ridurre consumi e rumorosità. Al momento dell’introduzione nel mercato, saranno disponibili le versioni da 143 e 170 CV di potenza a cui, a settembre, si aggiungerà la versione da 120 CV. Tutte le versioni sono dotate di filtro antiparticolato (DPF) ottimizzato, per soddisfare così i severi requisiti in fatto di emissioni della normativa EURO 5 che entrerà in vigore nel 2011.

Anche la gamma di motori a benzina è declinata in tre versioni. Si parte dal 1.6 102 CV, passando per il propulsore 1.8 Turbo 150 CV fino al 2.0 TSI, a iniezione diretta, che eroga 200 CV di potenza. Anche in questo caso, tutti i modelli sono conformi alla normativa EURO 5 e questo è un ulteriore passo avanti che testimonia il costante impegno del Marchio verso uno sviluppo sostenibile.

Le emissioni di CO2 dei motori Diesel si attestano sui 143 g/km nella versione da 143 CV e sui 153 grammi nella versione da 170 CV. Sul fronte delle motorizzazioni a benzina, le cifre oscillano tra i 175 g/km del motore 1.6, i 184 g/km del 1.8 e i 179 g/km del 2.0 TSI. Dei sei propulsori disponibili, cinque sono turbo, con conseguente miglioramento delle prestazioni e relativa riduzione dei consumi e delle emissioni.

Tutti i motori sono dotati di un cambio manuale a 6 marce, in attesa dell'arrivo del cambio automatico/sequenziale Multitronic sul motore 2.0 TSI, previsto entro la fine dell'anno.

Lusso ed equipaggiamenti di alto livello

Se si osserva più da vicino la SEAT Exeo, si noteranno la qualità e l'alto livello degli equipaggiamenti di serie. Il design degli esterni, la piacevolezza degli interni e l'ampia gamma di dotazioni offerte ne fanno l'ideale combinazione di comfort e sportività tipica del marchio SEAT.

È possibile scegliere tra 14 colori per gli esterni che si possono combinare a 6 diversi interni. Già nella versione Reference, il modello di base, sono previsti 7 airbag di serie a cui possono essere aggiunti i due airbag posteriori per il torace, disponibili come optional su tutta la gamma. La versione Reference prevede di serie inoltre doppio climatizzatore, ABS + TCS, ESP con servofreno di emergenza (EBA), cerchi in acciaio da 16 pollici, computer di bordo, alzacristalli elettrici, specchietti retrovisori elettrici e riscaldabili, fendinebbia, chiusura centralizzata con telecomando, radio CD con MP3 con ingresso audio ausiliario (Aux-in) e quattro altoparlanti, attacchi Isofix per il sedile anteriore lato passeggero e per i sedili laterali posteriori, dotati anche di ancoraggi di sicurezza Top Tether. Ma per chi vuole il massimo in fatto di allestimento, le versioni Style e Sport sapranno offrirgli, di serie, una gamma ancor più ampia di dotazioni.

La SEAT Exeo, propone un sistema di navigazione di ultima generazione, un nuovo sistema di infotainment con molteplici funzioni e tipi di connessione (MP3, IPOD, USB, Bluetooth), oltre alla novità rappresentata dal tetto con celle fotovoltaiche che, in estate, permette di azionare il sistema di ventilazione anche quando l'auto è parcheggiata senza che si scarichi la batteria, perché si alimenta grazie all’energia generata dalle radiazioni solari.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©