Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

La Vita Consacrata, “esegesi” vivente della Parola di Dio: Convegno presso la Facoltà Teologica di Napoli


La Vita Consacrata, “esegesi” vivente della Parola di Dio: Convegno presso la Facoltà Teologica di Napoli
05/03/2012, 11:03

Martedì 6 e Mercoledì 7 marzo. dalle ore 16 alle ore 19.00 Napoli, Viale Colli Aminei n. 2 “La Vita Consacrata, “esegesi” vivente della Parola di Dio per una credibile pedagogia dei segni”. E’il tema del convegno diocesano che si terrà, dalle ore 16 alle ore 19 di martedì 6 e mercoledì 7 marzo 2012, nell’Aula Magna della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, Sezione S. Tommaso d’Aquino, in Viale Colli Aminei n.2.
Il convegno tende ad approfondire i nuovi orientamenti ecclesiali per il rinnovamento della vita consacrata a partire dalla Parola di Dio. A tale riguardo terrà la sua relazione Sua Ecc. Mons. Joseph William Tobin, Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata.
In tale ottica fondamentale è la lettura della esperienza territoriale nell’Arcidiocesi, di cui si occuperà nella sua relazione di Mons. Gennaro Matino, Vicario Episcopale per le Comunicazioni.
I lavori delle due giornate saranno introdotti, rispettivamente, da Mons. Gaetano Castello, Preside della Facoltà Teologica, e da Sua Ecc. Mons. Antonio De Luca, Vescovo di Teggiano-Policastro, e arricchiti dal racconto di esperienze concrete che si vivono in Diocesi.
Concluderà il Convegno, nel pomeriggio di mercoledì 7 marzo, l’Arcivescovo Card. Crescenzio Sepe, il quale ha già avuto modo di intrattenersi sulla “esistenza di una pedagogia dei segni che ha un fondamento biblico e teologico. Biblico, perché il cammino giubilare fatto lo scorso anno non può non essere segnato dalla Parola di Dio accolta, pregata e annunciata…Il fondamento biblico, inoltre, si manifesta nelle sette opere di misericordia, raffigurate nella grande tela del Caravaggio, che è come icona di un percorso costellato da iniziative e gesti capaci di “incarnare” e rendere visibile la possibilità di cambiamento nel segno della speranza”.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©