Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Usando il parere dell'ex presidente della Consulta Onida

L'Agcom vuole imbavagliare Internet prima della propria scadenza


L'Agcom vuole imbavagliare Internet prima della propria scadenza
14/03/2012, 15:03

ROMA - A quanto pare, l'attuale Agcom ha in mente un colpo gobbo: mettere il bavaglio ad Internet appena prima della scadenza e del rinnovo dei membri che lo compongono. Infatti, è ancora in sospeso la delega, affidata loro dal governo, per una normativa che disciplini (almeno a parole) le sanzioni per le violazioni su Internet del copyright. E il provvedimento in questione - che viene tenuto in sospeso da due anni - prevede la possibilità di oscurare per via amministrativa i siti che violano la legge, senza passare attraverso il vaglio di un giudice. Essendo l'Agcom una autorità di nomina politica, appare evidente quali abusi possano essere commessi contro siti "fastidiosi".
La decisione, a quanto si è saputo, sarebbe appoggiata da un parere dell'ex Presidente della Corte Costituzionale Valerio Onida, che sottoscrive in pieno il contenuto di questa norma. Anzi, aggiunge che i provider devono impedire l'accesso al sito oscurato anche quando l'utente si collega dall'estero.
Si tratta di una decisione che, se venisse confermata, andrebbe in senso contrario alle norme europee e rischieremmo di ricevere nuove condanne dalla Corte di Giustizia europea. Basta ricordare che, quando in Francia il Consiglio Costituzionale ha esaminato il disegno di legge Hadopi, che conteneva norme molto simili (imbavagliare e bloccare la navigazione con la scusante della violazione del copyright), aveva dichiarato che era in contrasto con i diritti dei cittadini proprio perchè la decisione veniva presa in via amministrativa, scavalcando l'autorità giudiziaria.
Tuttavia la cosa preoccupante sono i continui attacchi che vengono fatti alla libertà di navigazione. Non ci vuole molto a capire che il concetto di copyright è completamente stravolto, rispetto a 20 o 30 anni fa. Come si può governare questo cambiamento così veloce con una legge che è stata fatta prima del fascismo?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©