Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Ricerca Americana dimostra: il 40% non riesce a smettere

Lampade solari sotto accusa: creano dipendenza come la droga


Lampade solari sotto accusa: creano dipendenza come la droga
20/04/2010, 16:04

ROMA – Maniaci dell’abbronzatura a tutti i costi, addio. I raggi emessi dalle cosiddette lampade provocherebbero una dipendenza pari se non superiore a quella dell’alcol e della droga. La notizia, che peraltro si aggiunge ai bollettini allarmanti diramati dal Ministero della Salute sulla pericolosità di questi macchinari per la pelle, arriva da oltreoceano: a dirlo è uno studio effettuato dai ricercatori del Memorial Sloan-kettering Cancer Center di New York, coordinati dalla dottoressa Catherine Mosher.La rilevazione è stata effettuata su un campione rappresentativo di 421 studenti, 229 dei quali ricorrevano alle lampade almeno 23 volte all’anno. Quasi il 40% di loro, dopo analisi approfondite, è stato dichiarato dipendente dall’abbronzatura artificiale.
Non solo: sembra che gli abituè del “sole finto” abbiano maggiore probabilità di diventare soggetti ansiosi e più vulnerabili all’ abuso di sostanze stupefacenti. Il campione intervistato, infatti, ha detto chiaramente di aver provato diverse volte a smettere ma senza risultato. Un po’ come avviene con le sigarette. Allora chissà se nei prossimi mesi anche nei solarium sarà esposta la scritta “Nuoce gravemente alla salute”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©