Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Lancia Delta auto ufficiale memoriale Caduta Muro di Berlino


Lancia Delta auto ufficiale memoriale Caduta Muro di Berlino
21/10/2009, 18:10

Lancia rinnova la propria attenzione alle tematiche sociali partecipando da protagonista ad una delle celebrazioni più significative degli ultimi anni. La caduta del Muro di Berlino ha cambiato per sempre la storia e oggi rappresenta sempre più un simbolo di tutte le lotte contro le barriere da abbattere, quelle fisiche ma soprattutto quelle culturali.

Il 9 novembre prossimo una flotta di Lancia Delta accompagnerà tutti i numerosi ospiti istituzionali per le vie della capitale tedesca fino alla Porta di Brandeburgo dove si terrà la spettacolare cerimonia di celebrazione.

L’impegno di Lancia sarà testimoniato anche da una tessera di domino su cui il marchio potrà imprimere il proprio dna interpretando questo momento storico attraverso i propri valori e la propria identità.

“Delta” è il simbolo della differenza, di quel fattore in più che guida ogni evoluzione, ogni miglioramento e per questo la berlina Lancia è sempre stata vettore di messaggi e azioni che hanno sfidato lo status quo.

Ne sono un esempio la campagna pubblicitaria con Richard Gere che ha sensibilizzato l’opinione pubblica sulla questione tibetana e gli emozionanti 30’’, andati in onda all’inizio dell’anno, che rendevano omaggio ad Aung San Suu Kyi, Nobel per la Pace nel 1991, sostenendone la liberazione. Quest’ultimo progetto nasceva in occasione del 9° Summit Mondiale dei Premi Nobel per la Pace svoltosi lo scorso dicembre a Parigi e che quest’anno si terrà proprio a Berlino all’indomani della celebrazione del ventennale della caduta del Muro.

Il 10° Summit Mondiale dei Premi Nobel per la Pace infatti aprirà i battenti il 10 novembre e avrà come tema principale l’abbattimento dei muri sociali e culturali che ancora oggi esistono in molte parti del mondo. Lancia sarà Main Sponsor del Summit e la flotta di Lancia Delta messa a disposizione dell’evento avrà l’onore di accompagnare i premi Nobel che interverranno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©