Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

LANCIA DELTA: UN OCCHIO AL PASSATO PER LA LANCIA DEL FUTURO


LANCIA DELTA: UN OCCHIO AL PASSATO PER LA LANCIA DEL FUTURO
28/06/2008, 23:06

Delta, un nome storico che rappresenta una delle vette della storia automobilistica di Lancia, ma anche un simbolo matematico che significa cambiamento, evoluzione. Dunque, il “Delta”, inteso come misura universale della differenza, come tensione al miglioramento e all’eccellenza, come superamento di un limite precedente. La ricerca del Delta evolutivo è alla base dell’intera strategia.
Oggi nasce la prima vettura totalmente nuova del secondo centenario di Lancia, la Delta, con un design senza paragoni, fedele alla vocazione innovatrice del brand.

Un primo “delta” evolutivo è rappresentato dalla capacità di conciliare la tradizionale eleganza di Lancia con soluzioni originali di architettura che per la prima volta uniscono armoniosamente la grinta di una sportiva con il benessere a bordo di una berlina, oltre ad un’abitabilità straordinaria per la categoria (il passo di ben 2,7 metri si unisce alle dimensioni importanti della vettura: è lunga 4,5 metri, larga 1,8 metri ed alta 1,5 metri). Dunque, Lancia Delta torna a presidiare il segmento delle berline medie portando nel futuro la tradizione delle “grandi” Lancia: dall’Aprilia all’Appia, dalla Fulvia alla Beta, dalla Prisma alla Dedra fino alla Lybra.

Inoltre, a fare dell’abitacolo un vero e proprio salotto contribuisce il sedile posteriore scorrevole con schienale reclinabile (fino a 25°) che permette o di aumentare il già spazioso vano baule (380 litri, 465 con i sedili posteriori scorrevoli) oppure, arretrandolo e inclinandolo opportunamente, di ottenere un totale relax, sdraiati come su una poltrona business di un volo intercontinentale. Senza dimenticare che l’abitabilità posteriore di Lancia Delta è la migliore del segmento e che è l’unica berlina 2 volumi ad offrire la possibilità di regolare lo schienale del sedile posteriore e di farne scorrere la seduta.

Lancia Delta esprime i suoi valori cardine - eleganza e temperamento - anche nei motori e nella meccanica. Innanzitutto, il “temperamento” dei suoi propulsori benzina e diesel che si contraddistinguono per innovazione tecnologica e performance. Tutti sovralimentati e abbinati a cambi con 6 marce (manuali, robotizzati o automatici), i motori di Lancia Delta disponibili subito al lancio saranno tre: 1.4 Turbo Jet da 120 CV e 150 CV (entrambi a benzina) e il 1.6 turbodiesel MultiJet da 120 CV (Euro 5), che sarà abbinato anche ad un avanzato cambio robotizzato. A questi si aggiungeranno a ruota due assolute novità: il 2.0 MultiJet da 165 CV e il 1.9 Twin Turbo MultiJet da 190 CV.
Successivamente la gamma sarà completata con un altro innovativo propulsore: il 1.8 Di Turbojet da 200 CV (motore “ad iniezione diretta di benzina” abbinato a un moderno cambio automatico a 6 marce). Tutti Euro 5, questi tre propulsori confermano il brand Lancia come punto di riferimento in termini di tecnologia ed innovazione nell’intero panorama automobilistico.


Eleganza nelle forme e nei materiali ma anche “eleganza” nel rapporto con il mondo esterno. Per quanto riguarda l’ambiente, infatti, Lancia Delta anticipa con le motorizzazioni diesel i limiti imposti dalle future norme Euro 5, caratteristica che le dà sicuramente un “delta” in più rispetto alla concorrenza.


Infine, le prestazioni dei motori sono completate da una meccanica collaudata e ottimizzata per comfort ed handling attraverso l’impiego di soluzioni tecniche uniche nella categoria. Ad iniziare dall’Absolute Handling System, il sistema di controllo della stabilità evoluto che, rispetto ai dispositivi finora disponibili, aggiunge numerose e importanti funzioni quali, per esempio, il LTF (Linearization Torque Feedback) che migliora decisamente la sensazione di dominio della vettura in curva, soprattutto alle alte velocità; e il TTC (Torque Transfer Control), una funzione innovativa che - simulando elettronicamente la presenza di un differenziale autobloccante - migliora la trazione in curva evitando notevolmente il sottosterzo e garantisce maggiore dinamicità di guida.
Da sottolineare che l’innovativo sistema di controllo Absolute Handling System interviene sempre in modo “discreto” grazie all’abbinamento con il DST (Drive Steering Torque). Infatti, lo “sterzo elettronico attivo” effettua già automaticamente le correzioni e controlla anche il sovrasterzo su fondi a bassa aderenza.
Sempre all’insegna della tecnologia d’avanguardia, Lancia Delta adotta le sospensioni elettroniche a smorzamento variabile (Reactive Suspension System) che da una parte migliorano notevolmente il comfort di marcia, elevando in particolare il filtraggio sui percorsi sconnessi; dall’altra parte, esaltano ancora di più il piacere di guida migliorando l’handling in tutte le condizioni (il sistema regola attivamente l’assetto secondo il tipo di strada e le sollecitazioni di guida). Completano la dotazione della Delta il sistema di parcheggio semi-automatico - comanda lo sterzo lasciando al guidatore il compito di azionare freno e acceleratore per completare la manovra – e il sistema “Driving Advisor” che, agendo sul volante, avvisa il guidatore dell’uscita dalla corsia di marcia. Tutti questi dispositivi, in sintesi, hanno lo scopo di semplificare e migliorare l’esperienza di guida, tanto da potersi – tutti insieme - unire nel concetto “VIP Driving”.
Destinata ad una clientela esigente che ama distinguersi, Lancia Delta offre oltre 1.000 personalizzazioni che nascono incrociando 3 allestimenti, 4 diversi rivestimenti dei sedili, 3 colori di ambiente interno, 4 tipi di cerchi in lega, 12 tinte di carrozzeria e 12 abbinamenti “bicolore”. Dunque, una gamma ampia e articolata che conferma l’unicità del nuovo modello. E allo stesso modo, nel solco del “delta” come espressione di differenziazione, Fiat Group Automobiles Financial Services ha studiato importanti novità in termini di finanziamenti differenti dalle offerte tradizionali che integrano esclusivi servizi garantiti da “Parts&Services”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.

Correlati

04/06/2008, 10:06

L'S3 SI FA SPORTBACK