Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

L'ASCENSORE SPAZIALE? ECCO COME FUNZIONA


L'ASCENSORE SPAZIALE? ECCO COME FUNZIONA
24/09/2008, 12:09

Sembra che proprio un ascensore sorretto da cavi ultraresistenti e allo stesso tempo leggerissimi, in grado di portare i suoi passeggeri a 36 mila chilometri nello spazio sia l'ambizioso progetto al quale - secondo quanto scrive oggi il Times - stanno lavorando alcuni dei migliori ingegneri e scienziati giapponesi.

Se realizzato, l'ascensore diventerebbe un mezzo a dir poco rivoluzionario: consumando un centesimo dell'energia di uno shuttle, servirebbe a portare in una stazione geostazionaria in orbita intorno alla Terra sia persone che oggetti pesanti come generatori e pannelli solari, o persino container contenenti scorie radioattive.

Per trasformare il sogno in realta' - ha spiegato al Times Yoshio Aoki, direttore della Japan Space Elevator Association - gli scienziati dovranno innanzitutto superare l'ostacolo piu' difficile: costruire cavi 180 volte piu' resistenti dell'acciaio e allo stesso tempo leggerissimi.

I nanotubi in carbonio, minuscole particelle che possono essere trasformate in fibre e che le industrie tessili giapponesi stanno attualmente studiando, potrebbero rappresentare il materiale adatto, sia per i cavi di supporto che per quelli elettrici. "I nanotubi di carbonio - ha precisato Aoki - sono buoni conduttori di elettricita' e potremmo quindi costruire un secondo cavo per fornire energia lungo tutto il percorso".

Secondo quanto riferisce il quotidiano britannico, le tappe per la costruzione dell'ascensore spaziale verranno delineate nel corso di una conferenza in Giappone a novembre.

La domanda sorge spontanea: quale sarà il supporto in costruzione in grado di tener bilanciati e in asse terrestre cavi lunghi 36 mila chilometri, considerando le correnti presenti nell'atmosfera terrestre ??? 

Fonte: http://mysterium.blogosfere.it/2008/09/aiuto-i-giapponesi-studiano-un-ascensore-spaziale-alto-36-mila-chilometri.html

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©