Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Grazie ai genitori ha ritrovato la semplicità

Laura Pausini ammette di essersi montata la testa


Laura Pausini ammette di essersi montata la testa
25/04/2012, 19:04

Il successo può dare alla testa a tutti e la cantante Laura Pausini non è da meno. La Pausini ha infatti confessato di aver, solo recentemente, recuperato la semplicità che aveva perso nel corso degli anni a causa della notorietà. La cantante ammette che solo fino a poco tempo fa aveva perso di vista quello che era davvero importante e che in effetti si era montata la testa. Ci sono stati periodi in cui Laura si arrabbiava solo perché magari non si trovava nell’hotel giusto per essere vista da tutti.
Un’eccessiva attenzione che certamente non le ha giovato a niente: adesso però ha capito che arrivato il momento di tornare con i piedi per terra per capire che la musica è ciò che conta davvero e per questo deve ringraziare la sua famiglia che le è stata accanto, facendole capire l’importanza della semplicità.
Semplicità ritrovata grazie all’aiuto dei suoi genitori: era arrivato il momento di riscoprire la semplice bellezza delle cose per sentirsi ancora un po’ bambina.
Certo, magari a far montare la testa alla cantante ha anche inciso il fatto che ha vissuto in tour per circa due anni dopo uno stop volontario e magari anche la tragica morte di una tecnico impegnato a montare il palco per un dei suoi concerti a Reggio Calabria lo scorso marzo. Intervistata da Chi, la cantante difende gli italiani e soprattutto la disciplina ferrea di molte campionesse italiane, come la Pellegrini o la Kostner per sfatare i luoghi comuni che colpiscono gli italiani all’estero.
Laura, che di recente è tornata in forma perdendo molti chili, è felicemente fidanzata con il chitarrista Paolo Carta (che la segue nei tour). Un legame che spesso l’ha messa contro i suoi fan che la accusano di essere manipolata da lui: tra l’altro non molto tempo fa la cantante ha cancellato gli insulti scritti dai suoi fan proprio contro Carta.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©