Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

L'auto elettrica di Mitsubishi inizia a dare i suoi frutti


L'auto elettrica di Mitsubishi inizia a dare i suoi frutti
05/08/2010, 19:08

Dal comune impegno, ognuno per quanto gli compete, di Mitsubishi Motors, di A2A e del Comune di Milano, volto alla promozione della mobilità elettrica, fondamentale soprattutto in una regione come la Lombardia che soffre, più di altre, il problema dell’inquinamento, nasce spontaneamente un progetto estivo a sfondo sociale:
M.M. Automobili Italia Spa, per tutto il mese di agosto, metterà a disposizione del Centro Servizi Sociali del Comune di Milano la vettura al 100% elettrica i-MiEV.
L’operazione avverrà in collaborazione con la multi-utility A2A che, con la sua nuovissima colonnina di ricarica, candida Milano e Brescia, a diventare le “città di riferimento” della mobilità elettrica in Italia, iniziando per prime lo sviluppo di una rete di ricarica strutturata, completa e all’avanguardia: un totale di circa 270 punti dislocati nelle due città (200 a Milano e 70 a Brescia), di cui circa 150 saranno a disposizione degli automobilisti in luoghi pubblici (strade, parcheggi,...), mentre i restanti saranno a uso privato (box, parcheggi condominiali, parcheggi aziendali).
Il Comune di Milano è, tra le città europee, la più avanti con la sperimentazione in questo senso e quale migliore occasione di dimostrare, nel caldo agosto milanese, popolato da coloro che sono già tornati dalle vacanze, ma anche da chi resta a casa ed ha bisogno di assistenza, che le vetture elettriche esistono, funzionano e non inquinano.
L’auto verrà utilizzata dagli operatori sociali del Comune di Milano, appositamente istruiti dai tecnici di Mitsubishi Motors sul funzionamento del veicolo, nel mese di agosto, per gli interventi a sfondo sociale legati al Piano Anticaldo – Servizio Estate Amica 2010, ovvero il piano di interventi di assistenza, sostegno e socialità rivolti agli anziani del Comune di Milano nei mesi estivi, che si concluderà il 30 agosto. L’auto verrà utilizzata soprattutto per i servizi di consegna pasti e accompagnamento, e per altre attività di assistenza come la spesa a domicilio.

Il veicolo a disposizione è l’unico esemplare con guida a destra, disponibile temporaneamente sul territorio Italiano, in attesa del lancio della versione definitiva europea al Salone Internazionale di Parigi a fine settembre 2010 e della sua vendita prevista ad inizio 2011.

Presentata nel luglio del 2009 in Giappone, i-MiEV (Mitsubishi Innovative Electric vehicle), è la prima vettura elettrica al 100% commercializzata su larga scala

i-MiEV, che rappresenta la punta di diamante nelle tecnologie “verdi” di Mitsubishi Motors Corporation, la chiave di volta per lo sviluppo futuro degli ibridi plug-in, conferma l’impegno di MMC annunciato un anno fa con la roadmap “Mitsubishi Motors Group Environmental Vision 2020” in cui vengono illustrati i principi della politica ambientale di prossima implementazione, volta a massimizzare i benefici offerti dai veicoli elettrici (EV*): più importante tra questi vantare, entro il 2020, un volume di produzione di cui almeno il 20% sia costituito da EV.
*EV: veicoli elettrici (Electric Vehicle), veicoli ibridi (P-HEV: Plug-in Hybrid Electric Vehicle) e altri veicoli ad alimentazione elettrica.
- DATI TECNICI -
(versione con guida a dx per il mercato giapponese)

Lunghezza x larghezza x altezza: 3395 × 1475 × 1610 mm
Passo: 2550 mm
Peso: 1100 kg
Posti: 4
Velocità massima: 30 km/h (dove consentito)
Autonomia con una carica: 160 km (ciclo giapponese 10-15 Mode)* /130 km/h ciclo EU
Ricarica normale 200 V (15 Amp): ca. 7 ore (carica completa)
Ricarica rapida: ca. 30 min (carica all’80%)
Motore: sincrono a magneti permanenti – Reg. max: 8500 giri/min
Potenza massima: 64 CV (47 kW) / 3000-6000 giri/min
Coppia massima: 180 Nm / 0-2000 giri/min
Batterie: ad alta densità agli ioni di litio
Tensione nominale batterie: 330 V
Capacità nominale: 16 kWh
Regolatore: inverter

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©