Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Julia Marton Lefevre: "Decisione prematura"

Le isole Galapagos non sono più in pericolo


Le isole Galapagos non sono più in pericolo
30/07/2010, 17:07

Il Comitato Unesco, in questi giorni riunito a Brasilia, ha deciso: le isole Galapagos non devono essere più elencate nelle liste dei siti patrimonio dell'umanità a rischio. La decisione è stata presa grazie all'impegno del governo dell'Ecuador per salvaguardare la biodiversità delle isole. Non mancano dubbi da parte di qualche ambientalista. Johannah Barry, responsabile di Galapagos Conservancy, gruppo di ricercatori della Virginia afferma: "Il presidente Rafael Correa si è impegnato per affrontare problemi gravi nelle Galapagos, ma mi sembra troppo presto per saltare a conclusioni. La notevole presenza umana mette in pericolo l'arcipelago dal punto di vista ecologico. Non sono inoltre da sottovalutare le malattie di piante e animali". Le Galapagos ospitano numerose specie di animali come la tartaruga gigante, contano circa 30000 abitanti e 190000 turisti ogni anno. A questi numeri si aggiungono specie invasive di animali, come gatti, topi, insetti, formiche rosse e mucche. In alcune isole, inoltre, c'è una notevole presenza di discariche oltre che di nuovi insediamenti. Julia Marton-Lefvre, direttrice dell'Iucn dichiara: " La decisione dell'Unesco appare un po' prematura. L'Iucn continuerà a lavorare con il governo equadoriano".

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©