Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Problemi diagnosi differenziale e prospettive terapeutiche

Le nevralgie craniche e facciali: ECM organizzato dalla dr.ssa Anna Ambrosini


Le nevralgie craniche e facciali: ECM organizzato dalla dr.ssa Anna Ambrosini
12/11/2009, 12:11

POZZILLI (IS) - Il 13 novembre presso l’Aula Magna del Parco Tecnologico dell’IRCCS Neuromed si terrà il convegno “Le Nevralgie craniche e facciali: problemi di diagnosi differenziale e prospettive terapeutiche” organizzato congiuntamente dalla Dott.ssa Anna Ambrosini, responsabile del Centro Cefalee Neuromed, e dal Professor Giampaolo Cantore, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze Neuromed.
Interverranno alcuni tra i maggiori esperti italiani di neurologia, provenienti dai più importanti Centri Cefalee delle regioni Lazio e Molise, tra cui il Prof. Francesco Pierelli che interverrà sulla classificazione delle nevralgie craniche e algie facciali, il dr. Armando Perrotta, che relazionerà sugli aspetti clinici di tale patologia, la Prof.ssa Rosanna Cerbo che si focalizzerà sulla diagnosi differenziale delle nevralgie e delle cefalee, la dott.ssa Anna Ambrosini che si focalizzerà invece su tali patologie esaminando quelle di breve durata, il dr. Gianluca Coppola che ne esaminerà gli aspetti neurofisiologici, il dr. Cherubino Di Lorenzo e il dr. Demo Dugoni che rispettivamente esporranno i trattamenti farmacologici e infiltrativi utilizzati per la cura di queste patologie altamente invalidanti.
L’aspetto chirurgico sarà esaminato da esperti dell’IRCCS Neuromed: il Prof. Giampaolo Cantore, direttore del dipartimento di Neuroscienze, il Prof. Vincenzo Esposito e il Prof. Pantaleo Romanelli, che ci illustreranno le tecniche chirurgiche e radiochirurgiche per il trattamento delle nevralgie craniche.
La scelta di dedicare un corso ECM specificamente alla nevralgie deriva dal bisogno di fornire informazioni più vaste ed aggiornate ai partecipanti, concentrando la loro attenzione su temi specifici spesso trascurati nel corso di congressi e convegni di più ampio respiro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©