Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Malfunzionamento dei depuratori: situazione critica

Legambiente: laghi a rischio. Gli scarichi li inquinano


Legambiente: laghi a rischio. Gli scarichi li inquinano
26/07/2011, 13:07

Gli scarichi di ben 18 milioni di italiani, circa il 30% della popolazione, finiscono in torrenti, fiumi, laghi, senza depuratore. È il grido d’allarme sulla mancata depurazione lanciato dal presidente nazionale di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza. L’attento controllo delle qualità delle acque, eseguito dai biologi di Legambiente, “ha messo in evidenza punti critici, scarichi inquinanti e depuratori mal funzionanti che ancora minacciano questi splendidi ecosistemi. Una fotografia che, con il passaggio della Goletta dei Laghi, si ripete da sei anni. E ciò - ha commentato Cogliati Dezza - denuncia che i Comuni non stanno investendo in questo settore”.
C’è un significativo problema di governo del territorio, e la maglia nera va ai Comuni interni della Valcamonica e al Comune di Como. Mentre il 90% del territorio praticabile attorno al Lago di Garda risulta cementificato. Positivi invece i Comuni del Trentino e dell’Alto Adige dove evidentemente c’è cultura del rispetto di un bene comune qual è il lago. Un allarme sullo stato di salute dei laghi italiani che tuttavia, ha osservato Cogliati Dezza, “non dovrebbe ingenerare problemi di sicurezza alimentare col pescato di lago. Mentre sulla balneabilità l’Italia si è adeguata da un paio di anni alla legislazione Ue, più permissiva. Negli ultimi due anni sono aumentati le aree balneabili dal punto di vista legale, ma solo perchè la normativa comunitaria è stata pensata per le acque del Nord più fredde. Con la vecchia normativa sarebbero i nostri laghi sarebbero fuorilegge”.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©