Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Sperimentata su tre pazienti ha avuto riscontri positivi

Leucemia: arriva la “chiave” che neutralizza le cellule


Leucemia: arriva la “chiave” che neutralizza le cellule
13/08/2011, 11:08

PENNSYLVANIA- Buone notizie dal mondo della ricerca, i ricercatori dell'Università' della Pennsylvania guidati da Carl June e David Porter, hanno sperimentato per la prima volta con successo una terapia genica per battere la leucemia, ovvero tumore del sangue, in pazienti in stato avanzato di malattia. Si tratta di una 'chiave' ad hoc per neutralizzare le cellule che la originano. Per arrivare a questo importante risultato ci sono voluti ben vent’anni di duro lavoro e ricerche mirate, e questa  tecnica, ancora in fase preliminare, utilizzata dagli scienziati americani, e illustrata assieme ai risultati dello studio su New England Journal of Medicine, potrebbe rappresentare una reale speranza per coloro che sono piombati nell’incubo di questa insidiosa malattia. Entrando nello specifico della scoperta i ricercatori hanno 'ingegnerizzato' le cellule T dei pazienti, quelle del sistema immunitario che reagiscono contro alcuni agenti patogeni, per 'colpire' una molecola che si trova sulla superficie delle cellule della leucemia. Così alterate, le cellule T sono state 'coltivate' al di fuori dell'organismo e poi reinfuse nei pazienti in fase molto avanzata della leucemia linfoide cronica (Cll), una delle piu' diffuse. La cura è stata per il momento sperimentata su tre pazienti che non avevano più speranza ai quali sono state prelevati i linfociti malati, poi sono stati modificati geneticamente rendendoli in grado di colpire la proteina CD19, responsabile del tumore, e reinseriti successivamente  di nuovo nei pazienti. Nel giro di 3 settimane i primi miglioramenti, a distanza di 1 anno 1 paziente è guarito e gli altri 2 ne hanno pochissime tracce. Sicuramente una rondine non fa primavera, in questo caso ne sono tre, anche se questa innovativa sperimentazione è un ottimo inizio verso la sconfitta totale della malattia.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©