Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Il ministro suggerisce di utilizzare i vecchi pali

Limone di Sorrento Igp, Galan utilizzate pali castagno


Limone di Sorrento Igp, Galan utilizzate pali castagno
26/04/2010, 11:04

ROMA - “Prima di passare ad alcune doverose annotazioni di tipo tecnico- amministrativo, desidero rivolgere una semplice preghiera ai produttori del Limone di Sorrento. Se potete, se non è diventata ormai un’impresa insostenibile, cercate di usare ancora pali di castagno a sostegno di quella mediterranea magnificenza che fa della vostra terra uno tra i più immortali e divini paesaggi del mondo. Solo se potete naturalmente, altrimenti potreste usare un altro genere di legno, tenendo per ultima la soluzione delle leghe di metallo.”

Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan, ha accolto la pubblicazione da parte della Commissione Europea delle modifiche al disciplinare di produzione della IGP “Limone di Sorrento”. Da questo momento in poi bisogna attendere sei mesi, come da procedura comunitaria, prima di vedere definitivamente riconosciute le modifiche richieste.

Le modifiche riguardano il metodo di ottenimento del prodotto (la descrizione relativa alle impalcature sotto le quali vengono coltivate le piante di Limone di Sorrento: pur lasciando la preferenza per i pali di legno di castagno, è stato previsto anche l’utilizzo di pali di altro tipo di legno e/o di leghe metalliche; la data di inizio raccolta dei limoni - 1° gennaio anziché 1° febbraio - in considerazione dei cambiamenti climatici verificatisi negli ultimi anni che hanno comportato un cambiamento nei tempi di maturazione del prodotto; il valore della produzione massima di limoni per ettaro, elevandolo da 35 a 45 tonnellate; la resa in succo del limone abbassandola dal 30 al 25 per cento); il legame (l’inserimento di alcuni elementi attestanti l’antica presenza del Limone di Sorrento nella penisola sorrentina e l’importanza che la sua coltivazione ha rivestito per le popolazioni del luogo; l’eliminazione dei riferimenti relativi al tipo di legno dei pali da utilizzare per la costruzione del pergolato); l’etichettatura (possibilità di commercializzare il Limone di Sorrento alla stato sfuso). Queste ed altre precisazioni sono state introdotte per fornire dati più certi al consumatore, rientrando il tutto in un’ottica di maggiore tutela dei diritti del cittadino ad avere un’informazione sempre più trasparente e puntuale

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©