Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Distonia da vaccinazione? no, bufala strumentalizzata

Lo ‘strano caso’ della cheerleader Desiree Jennings



Lo ‘strano caso’ della cheerleader Desiree Jennings
09/11/2009, 16:11

Ha fatto il giro del mondo, nelle scorse settimane, la lacrimevole storia di Desiree Jennings, 25enne cheerleader americana, che dopo essersi fatta vaccinare ha cominciato a presentare i sintomi della distonia: tremori, difficoltà di parola e fortissimi sintomi neurologici, come difficoltà a camminare se non all’indietro. Insomma, un’esistenza rovinata da quello che avrebbe dovuto invece proteggerla. Il video è andato in onda nel notiziario del seguitissimo canale Fox in America, poi si è diffuso su Youtube. Suo malgrado, la ragazza è diventata la bandiera di tutti quei movimenti antivaccino, ovvero di quei disinformatori che, attaccandosi ad ipotesi senza alcun fondamento scientifico, parlano dei vaccini come di veleni da evitare. Per fortuna che, a combattere contro questi disinformatori (che creano danni devastanti) c’è anche chi decide di sfruttare la propria competenza ed usando la stessa arma, ovvero Internet. E’ il caso, per esempio, dell’utente WeWee, nella vita reale medico, che sbufala diversi truffatori sul suo blog MedBunker (medbunker.blogspot.com).

A questo punto, iniziano le precisazioni. Innanzitutto, nessun medicinale è totalmente sicuro. Fatevene una ragione: ci sarà sempre quella persona su tot milioni che potrebbe morire dopo aver preso un Aulin. Questo non basta però per bandire penicillina, analgesici e caramelle Zigulì: l’intolleranza di una persona non significa automaticamente che il prodotto sia un veleno.

Ma torniamo alla lacrimevole storia di Desiree Jennings, che tanto per cominciare non era una cheerleader ma un’aspirante tale. E facciamolo, soprattutto, con fonti attendibili e testimonianze certe, senza farci abbagliare da sedicenti guaritori che lasciamo volentieri a qualche popolazione tribale (poi spiegheremo il perché).

Desiree, dicevamo, ha (aveva) gravi difficoltà a parlare ed a camminare, tanto che l’unico modo di camminare correttamente è farlo “all’indietro”, ovvero volgendo la schiena nella direzione prescelta, oppure correre, atto che le permette pure di parlare normalmente. E quei danni sono attribuiti direttamente al vaccino. Benchè non ci sia nessuna prova scientifica a supporto.

La distonia, come spiega WeWee, è una patologia abbastanza conosciute, con diverse cause (anche genetiche) e con sintomi piuttosto caratteristici; quelli mostrati nelle immagini, però, non sembravano quelli della distonia. Innanzitutto, come dicevamo, non c’è nessun collegato dimostrato tra quei sintomi e la supposta distonia. La ragazza aveva fatto il vaccino ad agosto ed aveva accusato i primi sintomi qualche giorno dopo, ma questo, se ragioniamo lucidamente, non dimostra niente. Altrimenti dovremmo anche indagare sulla nocività di dire messa a piazza San Pietro: sta’ a vedere che è stata quell’abitudine, ad uccidere Woytila.

Ma anche dando per scontato che sia stato il vaccino a provocare quei sintomi, il ragionamento va fatto su scala molto più ampia: bisogna controllare quante persone sono state vaccinate e quante hanno sviluppato la malattia. E farlo tenendo conto che nella letteratura scientifica non è stato mai descritto un caso di distonia provocato da una vaccinazione.

I sintomi mostrati da Desiree sono stati analizzati tramite il video da diversi neurologi, che hanno trovato subito delle forti incongruenze. I movimenti, il modo di parlare e di stare a riposo erano totalmente diversi da quelli osservati in pazienti distonici; la camminata ‘a gambero’, invece, insieme alla capacità di parlare correttamente solo durante la corsa, sono sintomi totalmente “strani”.

Leigh Vinocur (noi facciamo anche i nomi) è un medico di pronto soccorso intervistato dal telegiornale americano Fox News. Il medico, nell’osservare Desiree, ha espresso le sue perplessità: quei sintomi sembravano più assimilabili ad una distonia psicogenica che ad una neurogenica. In altre parole, sembrava sviluppata in seguito a un grosso stress o ad un trauma psichico, e non ad un danno neurologico. Quindi, il legame col vaccino va a farsi benedire.
Stephen Novella, neurologo della Yale University School of Medicine, che gestisce il blog NeuroLogica Blog, arriva alle stesse conclusioni di Vinocur: “I movimenti ed i sintomi che miss Jennings mostra nel video che ho visto, non sono compatibili con la diagnosi di distonia o di qualsiasi altro disordine del movimento”. Opinione concorde anche quella di Stephen Grill, medico del Parkinson's and Movement Disorders Center del Maryland (USA) uno dei più grandi e prestigiosi centri medici del mondo: per lui quei sintomi non sono quasi certamente rappresentativi di distonia. E questi sono i pareri di tre medici (quattro, se aggiungiamo WeWee), uno dei quali neurologo. Una cosa ben diversa da quanto può pensare uno che crede agli sciamani (poi spiegheremo…), non trovate?

Non sembra distonia nemmeno agli esperti della Fondazione della ricerca medica sulla Distonia, che hanno dichiarato: “Basandoci sul filmato che è stato diffuso in pubblico, è loro (degli esperti, ndr.) unanime opinione che questo non sembra un caso di distonia”.

Quindi, già abbiamo un importante cambiamento: il caso è stato pubblicizzato come distonia indotta dal vaccino, mentre adesso non solo è escluso qualsiasi collegamento col vaccino, ma nemmeno sembra un caso di distonia. La stessa Fox, che aveva lanciato lo scoop, si è affrettata a smentire ed ha invitato diversi neurologi e medici a studiare questa storia. Andiamo bene.

I complottisti antivaccino, però, si sono comportati così come ci si aspetterebbe da loro: attaccando ed offendendo i medici che, con la propria esperienza, li hanno privati di quella che poteva essere una bandiera per il movimento anti-vaccino. Che è, è bene ricordarlo, una povera ragazza che soffre di un problema reale e che è stata strumentalizzata senza pudore.

Ma ci sono delle buone notizie, per Desiree. Da quando è scoppiato il suo caso, la ragazza è stata presa in cura dalla Generation Rescue, che si occupa di guarire i pazienti affetti da ‘malattie da vaccino’. Il medico che ha fatto il miracolo è Rashid A. Buttar. E’ lui lo sciamano a cui abbiamo accennato prima. Pluririchiamato dall’ordine dei medici in passato, è uno di quei simpaticoni della medicina alternativa, che dichiara di guarire dai “danni da vaccini” mediante la chelazione, un procedimento che libererebbe gli organismi dei metalli accumulati per colpa dei vaccini. Un collega del nostro Simoncini, il medico (radiato) italiano che afferma che il cancro è un fungo e lo si guarisce con iniezioni di urina.

Desiree Jennings però sta bene, e parla della sua guarigione anche in un secondo video, sempre diffuso su Youtube. Tutto merito della chelazione? Ma nemmeno per sogno. La distonia psicogenica, infatti, come spiega ancora WeWee, ha una remissione spontanea. Ovvero, dopo un certo periodo di tempo sparisce da sola. La ragazza è quindi guarita non grazie ai miracolosi rimedi di Buttar ma, piuttosto, nonostante.

Qualcosa che si avvicina, insomma, a robe da Striscia la Notizia piuttosto che a una seria letteratura scientifica.

Commenta Stampa
di Scie Ciniche
Riproduzione riservata ©