Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Lombardia: primo trapianto cuore-polmoni dopo uso del cuore artificiale


Lombardia: primo trapianto cuore-polmoni dopo uso del cuore artificiale
25/08/2009, 17:08

Primo caso in Lombardia di una operazione di trapianto cuore-polmoni dopo che la persona era rimasta attaccata ad una macchina che consentiva il circolo del sangue e la sua ossigenazione all'esterno del corpo. L'uomo, un 49enne, aveva la Sindrome di Eisenmenger, cioè una cardiopatia congenita che, non curata durante l'infanzia, aveva determinato una ipotensione arteriosa polmonare, cioè il sangue che non riusciva ad essere ben ossigenato nei polmoni perchè veniva spinto con troppa lentezza. Per questo il 12 agosto l'uomo aveva avuto un arresto cardiaco; l'aveva superato, ma il cuore non era in grado di funzionare e quindi era stato attaccato ad un macchinario cuore-polmoni artificiale. Dopo oltre una settimana di questo trattamento, l'uomo è stato sottoposto a trapianto di cuore polmoni, che è riuscito.
E' la prima volta che un paziente riesce a sopravvivere ad un trapianto dopo che è stata necessario l'uso della macchina cuore-polmoni, per di più sopportando anche il trasferimento da un ospedale ad un altro attrezzato per un trapianto così complesso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©