Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

L’attrice si è decisa ad ammettere la balla

Lucrezia Lante Della Rovere, con Di Pasquale solo una bufala


Lucrezia Lante Della Rovere, con Di Pasquale solo una bufala
05/04/2012, 20:04

Pur di ottenere un po’ di visibilità ha accettato di inventarsi un flirt con il compagno di danza, nell’ultima edizione di Ballando con le stelle, Simone De Pasquale. Da una donna come Lucrezia Lante Della Rovere nessuno se lo sarebbe aspettato eppure è così. Ha dichiararlo è la stessa attrice, durante la presentazione del suo ultimo lavoro teatrale “Malamore – esercizi di resistenza al dolore”: ” Una balla! Faceva bene al programma, se ogni uomo che ho baciato fosse diventato una storia ne avrei un carnet pieno. Io e Simone avevamo un buon feeling e essendo entrambi liberi non dovevamo rendere conto a nessuno”.
La mamma, Marina Ripa di Meana era l’unica a non aver mai creduto ad una sola parola di questa bufala architettata a dovere. Infatti, solo poche settimane fa, in un'intervista a Top, aveva detto: "Io mi sarei risparmiata il finto amorazzo con il maestro di ballo. Non è roba per lei. Ma quale futuro genero. Personalmente trovo che l’amorazzo da showgirl iniziato proprio alla vigilia di una finale sia una robetta che davvero non capisco. Però devo darle atto: anche se ciò non le ha dato la vittoria, sicuramente darà un certo seguito a questa esperienza. Quando c’è da inchinarsi alle burinate … Ahimè, in che mondo viviamo… se il pubblico vuole quella roba, allora che dire: viva le burinate! Non ho nulla contro di lui; figuriamoci. Tra l’altro per quel poco che l’ho conosciuto, questo bellissimo ragazzo mi sembra una persona sensibile e intelligente. Semplicemente ho i miei buoni motivi per pensare che sia tutta una vera e propria mossa pubblicitaria…".
Ciononostante, molti spettatori si sono sentiti presi in giro dai due che a quanto pare con il loro comportamento hanno dimostrato di tenere più alla notorietà che al rispetto del pubblico.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©