Cyber, scienza e gossip / Religione

Commenta Stampa

Ai cardinali dice: “Prometto mia riverenza al nuovo papa”

L’ultimo tweet di Benedetto XVI: “Grazie per il vostro amore”


L’ultimo tweet di Benedetto XVI: “Grazie per il vostro amore”
28/02/2013, 18:31

ROMA – Benedetto XVI è atterrato a Castel Gandolfo, sua residenza estiva dove risiederà per i prossimi due mese. Pochi minuti prima di salire a bordo dell’elicottero, il Pontefice è uscito per l'ultima volta dal Palazzo Apostolico nel cortile di San Damaso dove ad attenderlo tra ls commozione generale c’erano il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, il sostituto Angelo Becciu, il personale e i prelati presenti. Dopo circa quindici minuti di volo il Santo Padre è giunto a destinazione, dove ha trovato ad accoglierlo il cardinale presidente del Governatorato vaticano Giuseppe Bertello, il segretario arcivescovo Giuseppe Sciacca, il vescovo di Albano Marcello Semeraro, il direttore delle Ville pontificie Saverio Petrillo, il sindaco Milvia Monachesi. Il suono delle campane ha annunciato ai fedeli, accorsi per l’ultimo saluto a Benedetto XVI,  la partenza del Pontefice dal Vaticano. Tantissimi i fedeli accorsi in piazza, invadendo anche le strade laterali del centro. Al suo arrivo il Pontefice è stato accolto da un lungo applauso e da diversi cartelloni esposto con la scritta “Grazie”.
Inoltre, Benedetto XVI ha voluto ringraziare i suoi fedeli con un ultimo tweet:“Grazie per il vostro amore e il vostro sostegno. Possiate sperimentare sempre la gioia di mettere Cristo al centro della vostra vita”, ha scritto Joseph Ratzinger, prima della rinuncia al Pontificato, che avverrà oggi alle 20.
Stamattina il Santo Padre ha tenuto un  ultimo incontro con i cardinali che ha voluto ringraziare personalmente: “La vostra vicinanza e il vostro consiglio mi sono stati di grande aiuto, grazie. Anche in momenti in cui qualche nuvola ha oscurato il cielo, abbiamo cercato di servire... abbiamo donato speranza”. Ai porporati si è appellato affinché “il collegio dei cardinali sia come un'orchestra in cui le diversità possano portare ad una concorde armonia”. “Continuerò ad esservi vicino nella preghiera, specialmente nei prossimi giorni. Tra di voi c'è anche il futuro Papa al quale oggi prometto la mia incondizionata riverenza e obbedienza”, ha dichiarato infine Papa Ratzinger.
"Da stasera inizia l'ultima tappa su questa terra. Grazie di cuore cari amici sono felice di essere con voi, circondato dalla bellezza del creato". "Non sono più Pontefice, ma solo un pellegrino che comincia l'ultima tappa del suo pellegrinaggio su questa terra, ma vorrei ancora col mio cuore, col mio amore, con la mia preghiera, con la mia riflessione - ha detto nel suo ultimo saluto ai fedeli - lavorare per il bene della Chiesa e per il bene comune dell'umanità". Sono queste le ultime parole che il Papa ha riservato ai suoi fedeli, affacciandosi per l’ultima volta al balcone.
Dalle ore 20 di giovedì 28 febbraio, Ratzinger vestirà la talare semplice bianca senza mantellina, mentre l'anello piscatorio e il suggello verranno segnati: “Non è che debbano venire distrutti in modo che non ne rimanga nemmeno un pezzo, basta che non siano più integri e cioè siano resi inservibili”, precisa il Vaticano. La chiusura del portone del palazzo di Castel Gandolfo, con le guardie svizzere che lasceranno il loro servizio e torneranno in Vaticano è l’ultimo segno della fine di questo Pontificato. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©

Correlati