Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Ci potranno essere più aftatossine in cereali e frutta secca

L'unione Europea pronta ad aumentare le tossine nei cibi


L'unione Europea pronta ad aumentare le tossine nei cibi
12/01/2010, 14:01

BRUXELLES . Ormai il percorso sembra deciso: domani il Comitato dei Rappresentanti dei 27 Paesi dell'Unione Europea darà il via libera alla proposta della Commissione Europea e verrà più che raddoppiato il livello delle aftatossine tollerabili nei cibi. La aftatossine sono delle tossine prodotte da alcuni tipi di muffe che si formano in taluni alimenti: frutta secca, cereali, riso, fichi, oli vegetali grezzi e semi di cacao. Sono molto pericolose, in quanto hanno effetto cancerogeno; e a differenza di molte altre sostanze non vengono distrutte nè dal calore della cottura nè dalle varie fasi della trasformazione. Finora erano tollerati con un limite di 4 microgrammi per chilo; se verrà approvata la modifica, si passerà a 10 microgrammi per chilo. Secondo l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, cui è stato delegato il compito di un parere tecnico, i rischi per la salute non aumenterebbero in maniera significativa.
Ma è veramente così? Innanzitutto c'è da notare che 10 microgrammi per chilo sono la quantità "consigliata" dal Codex Alimentarius, l'ente creato dalla FAO e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per stabilire standard internazionali per la produzione e la conservazione del cibo. Poi questo aumento significa aumentare la tolleranza nella malconservazione dei cibi. Perchè solo la prevenzione può bloccare lo sviluppo delle aftatossine; una volta che sono state create, non c'è modo di distruggerle conservando le qualità organolettiche e i principi nutrizionali dei cibi. E poichè molti di questi cibi sono prodotti in Paesi poveri, la cosa dà da pensare.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati