Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

MALATTIE CARDIOVASCOLARI: PRIMA CAUSA DI MORTE IN OCCIDENTE


MALATTIE CARDIOVASCOLARI: PRIMA CAUSA DI MORTE IN OCCIDENTE
19/01/2009, 12:01

 

Sono le malattie cardiovascolari ad uccidere di più nei paesi occidentali. Questa è la prima causa di morte rilevata dagli studi effettuati negli ultimi dieci anni sulla frequenza di patologie nella popolazione occidentale.
Se gli uomini ne vengono colpiti più precocemente, circa un decennio prima del sesso femminile, le donne sono però quelle che mostrano una maggiore mortalità e propensione alla patologia. La diversità tra i due sessi è spiegata dalla protezione ormonale estrogenica presente nella donna fino all’età della menopausa. Ma come spiega il Professor Paolo Rubino, Responsabile del Laboratorio di Cardiologia Invasiva, Clinica Montevergine di Avellino, i riscontri emersi dagli studi mettono in dubbio la terapia ormonale sostitutiva, tecnicamente definita HRT “Nel 2002 i risultati di due grandi trial hanno indotto a non indicare più l’HRT come prevenzione primaria del rischio cardiovascolare per le donne. – precisa Rubino – Le malattie cardiovascolari possono essere indotte da una serie di fattori di rischio, modificabili e che incidono in modo variabile nel determinismo dell’aterosclerosi”.

Rispetto a questo aspetto il Professor Rubino sottolinea che se nulla può essere ancora modificato su razza, familiarità ed età, molto si può fare sui fattori modificabili: “Uno stile di vita sano con un’adeguata attività fisica e una terapia efficace dell’ipertensione, diabete e dislipidemie consente sicuramente un controllo della malattia aterosclerotica”. Fumo, obesità, sedentarietà, dislipidemia, sindrome metabolica vanno precocemente evitati per tenere a bada queste patologie. La prevenzione e le abitudini sane sono ancora una volta la regola d’oro da seguire.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©