Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Gli esemplari ancora in attesa di trasferimento

Maltrattamento di cervi, sequestro in un centro ippico


Maltrattamento di cervi, sequestro in un centro ippico
01/02/2010, 15:02

NAPOLI - Personale del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Pozzuoli, a seguito di denunzia orale da parte di una veterinaria, ha proceduto al sequestro e recupero di un esemplare di Cervo tenuto legato con una fune ad un cancello all’interno di un Centro Ippico sito in agro del Comune di Pozzuoli, lungo la Via Montagna Spaccata. L’animale, probabilmente detenuto in tali condizioni da diverso tempo, è stata rinvenuta in cattive condizioni di mantenimento mentre si dimenava e cercava di liberarsi dalla fune, fatto che poteva creare un serio pericolo alla vita della povera bestia, ritrovatasi in situazione del tutto innaturale rispetto alla propria condizione selvatica. Si è provveduto alla liberazione e trasferimento in area recintata del Cervo, provvedendo successivamente alle prime cure e sostentamento del caso e rendendosi disponibile ad ulteriori attività veterinarie si rendessero necessarie.
La sistemazione dell’animale ha riscontrato numerose difficoltà presso le poche strutture esistenti allo scopo sul territorio e momentaneamente il medesimo è rimasto presso il Centro Ippico, custodito in via giudiziale dalla veterinaria stessa che l’ha ritrovato, in attesa di un trasferimento presso struttura maggiormente idonea.
Si rappresenta che tale esemplare di Cervo è protetto dalla legislazione e che gli autori dei reati connessi all’abbandono e maltrattamento di animali, della loro commercializzazione o altre attività connesse, incorrono in pesanti misure sanzionatorie penali.
Il Dr. Vincenzo Stabile, Comandante Provinciale del C.F.S. di Napoli dichiara che l’attività di protezione della specie animale verrà ulteriormente incentivata nel corso di quest’anno, al fine di dare chiari segnali di legalità, rispetto e civiltà in tal senso sul territorio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©