Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Parla l'esperta

M’ama o non m’ama? Basta interpretare il linguaggio del corpo


M’ama o non m’ama? Basta interpretare il linguaggio del corpo
04/09/2009, 12:09


In fatto di seduzione il corpo parla molto più chiaro e forte delle parole. Ci sono dei segnali inequivocabili, differenti nell’uomo e nella donna, che evidenziano l’attrazione per chi si ha di fronte. Secondo Louis Nicoletta, fondatore di PUATraining Italia, una società internazionale che organizza corsi di seduzione, conoscere e saper interpretare questi “gesti” significa saper condurre al meglio la conquista del partner. “Per sedurre una donna bisogna prima di tutto riuscire ad interpretarne il linguaggio, entrando in contatto con il suo mondo. Ed il corpo è la prima fonte di comunicazione. Saper rispondere correttamente al linguaggio del corpo significa intraprendere un approccio con elevate probabilità di successo” precisa Louis Nicoletta. Toccarsi i capelli, ad esempio, è un chiaro indice di interesse da parte della donna nei confronti del partner. “Se ascoltando il partner la donna si accarezza i capelli abbiamo il primo sintomo di accondiscendenza. E’ quello che noi chiamiamo IDI (indicatore di interesse), un primo segnale positivo che va colto e assecondato”. Secondo lo staff di PUATraining Italia non va sottovaluta nemmeno l’espressione degli occhi e la bocca. Quando sono interessate all’uomo che hanno di fronte, le donne tenderebbero a lanciare sguardi languidi e seducenti, allargare le pupille, mordicchiarsi le labbra e ad inumidirle con la lingua. In particolare la bocca viene lasciata semi-aperta per svariati secondi quando la donna è assorbita dal carisma del partner. Anche giocherellare con le dita, con gli anelli o toccarsi il dorso della mano è un altro segnale molto positivo. Totalmente diverso, invece, il linguaggio dell’uomo al momento della conquista. Secondo gli esperti dell’arte della seduzione, il sesso forte manifesta il suo interesse prendendo possesso dello spazio fisico. “L’uomo tende ad allargare braccia e gambe per conquistare “terreno” con la donna a cui vuole dichiararsi. Poi serra la mascella, tiene sollevato il mento e rende la voce il più baritonale possibile” dichiara Nicoletta. Il linguaggio non verbale quindi, in modo particolare la postura, l’andatura e il tono della voce, costituisce il primo elemento che consente di tracciare un profilo della persona a cui esso appartiene. Se si riesce a controllarlo, migliorano di gran lunga le capacità di seduzione. I richiami che vengono lanciati dai partecipanti durante il complesso gioco della seduzione sono però, in alcuni casi, poco evidenti. Una parte del training offerto dagli insegnanti dei corsi di seduzione riguarda proprio questi cenni più sottili. “Tutti possono imparare a leggere i segnali della conquista. Come ogni linguaggio, anche quello dell’attrazione va imparato. Nei nostro corsi, sia video che in presenza, dedichiamo sempre una parte specifica alle tecniche per comunicare al meglio con il proprio potenziale partner. Anche nel nostro blog sulla seduzione e sul canale Youtube dedicato a PUATraining è possibile trovare dei materiali interessanti al riguardo” conclude Nicoletta.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©