Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

lo conferma uno studio dell’Università della California

Mamme: oltre i 40 anni rischio autismo per i figli


Mamme: oltre i 40 anni rischio autismo per i figli
10/02/2010, 19:02

NAPOLI - Se ci fosse ancora qualche dubbio che le gravidanze in età non più giovanissima possano aumentare il rischio dell'insorgenza delle patologie per il feto, una ricerca portata avanti dall'Universtià della California potrebbe probabilmente fugarlo. Lo studio ha analizzato in particolare i nati nell'arco temporale che va dal 1990 fino al 1999. In quei dieci anni ci sono stati circa 5 milioni di nati; con 12.000 casi di autismo accertati. Secondo le statistiche effettuate, il 50% dei bimbi nati da madri con età superiore ai 40 anni soffrivano appunto di autismo.
Secondo la coordinatrice della ricerca 
Janie Shelton, infatti:"Questo studio mette in discussione una teoria corrente in epidemiologia dell’autismo che identifica l’età del padre come un fattore chiave per accrescere il rischio di avere un bambino con autismo".
Gli esperti precisano che saranno necessari ulteriori studi per accertare nel dettaglio tutte le cause che determinano un aumento dei casi di autismo nelle gravidanze over 40 ma, per ora, di certo pare esserci il dato riguardante gli ovuli. Più si va avanti con l'età e più questi ultimi subiscono forme degenerative gravi. In tal senso, precisano ancora gli studiosi, a correre rischi non è più soltanto il feto ma anche la madre che lo ospita.
La ricerca, in ultimo, pare aver aperto la strada a nuove scoperte riguardo altri fattori che, se combinati, possono favorire l'insorgenza di determinate patologie anche durante lo stadio prenatale. In tal senso si stanno valutando le incidenze sulle malformazioni e sull'insorgenza dello stesso autismo dei fattori ambientali e genetici.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©