Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Dopo l'intesa tra Cnh e Kamaz l'ad Fiat lancia la sfida

Marchionne: vorrei produrre Jeep in Russia. Putin benedice il progetto della Fiat


Marchionne: vorrei produrre Jeep in Russia. Putin benedice il progetto della Fiat
08/10/2009, 23:10

In primavera Sergio Marchionne aveva incassato il plauso dal Presidente degli Stati Uniti Obama per avere portato a termine l’accordo con la Chrysler rilanciando così le ambizioni della Fiat sullo scacchiere del mondo dell’auto. Ma la strategia dell’amministratore delegato del gruppo torinese ha subito un duro colpo dopo la decisione di GM e del governo tedesco di vendere l’Opel ad una cordata austriaca e russa. Il manager in maglioncino però non si scoraggia e rilancia questa volta alla conquista del mercato dell’ex Urss che Fiat conosce bene sin dagli anni ’20.
Ora il Marchionne americano dice anche lui come Martin Luther King “I have a dream” . Infatti dopo aver siglato un accordo di due joint venture tra la Case New Holland (Cnh, partecipata al 91% da Fiat) e il produttore russo di camion Kamaz davanti al capo del governo russo Vladimir Putin rivela il sogno di costruire jeep in Russia. L’ex Presidente della Federazione Russa Putin, seduto accanto a lui, lo ha subito incoraggiato: «Le jeep avrebbero molta richiesta in Russia perchè dobbiamo costruire molte strade». Marchionne ha inoltre confermato l'interesse per le joint venture già in corso con Sollers auspicando un loro allargamento. «Come Fiat faremo tutto il possibile per aiutare lo sviluppo di tutti i settori», ha aggiunto l'ad di Fiat.
 
L’accordo siglato tra Cnh, società del gruppo Fiat specializzata nelle macchine per l'agricoltura e le costruzioni, e Kamaz jsc, uno dei maggiori produttori di veicoli industriali pesanti a livello globale, consiste in una lettera d'intenti che porterà alla costituzione di una joint venture industriale. L'obiettivo iniziale è produrre localmente mietitrebbiatrici, trattori, attrezzature e specifici modelli di macchine per le costruzioni di marchi Cnh. Le attività produttive saranno situate a Naberezhnye Chelny, nel Tatarstan, sede storica di Kamaz. L'avvio della produzione è programmato per il 2010.
 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©