Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Mazda 787B, la vettura vincitrice della gara nel 1991 torna a Le Mans dopo 20 anni.


Mazda 787B,  la vettura vincitrice della gara nel 1991  torna a Le Mans dopo 20 anni.
03/06/2011, 10:06

HIROSHIMA, Giappone — Il 2011 segna il 20mo Anniversario della vittoria Mazda nella gara di durata più impegnativa al mondo, la 24 Hours di Le Mans. Nel 1991, Mazda fu la prima ed unica Casa Automobilistica Giapponese a vincere la gara. Per celebrare degnamente questo anniversario, su invito degli organizzatori dell’evento -- l’Automobile Club de L'Ouest (ACO) -- Mazda esibirà la vettura vincitrice – una Mazda 787B – sul Circuito de la Sarthe a Le Mans, in Francia, Sabato 11 Giugno, prima dell’inizio della gara delle 24 ore.

L’inizio della 79ma Edizione della 24 Ore di Le Mans è previsto per le 15h00 dell’11 Giugno prossimo e terminerà alla stessa ora il giorno successivo. Mazda terrà la dimostrazione della vettura da corsa 787B sul Circuito de la Sarthe alle 12h30 dell’11 Giugno. Inoltre, la 787B sarà anche una delle star della Driver’s Parade che attraverserà il centro della città di Le Mans Venerdì 10 Giugno.

La Mazda 787B è stata la prima ed unica vettura Giapponese con motore rotativo a vincere la 24 Ore di Le Mans.  Si tratta di un progetto sviluppato in collaborazione tra Mazda e Mazdaspeed, l’organizzazione che in passato si occupava di gestire il programma sportivo di Mazda. La 787Bè dotata di un telaio disegnato con l’obiettivo di conformarsi agli standard tecnici regolamentati dal Gruppo C ed è dotata di un motore a 4 rotoriche sviluppa 700 CV. A causa di una variazione nelle regole di gara, il 1991 fu l’ultimo anno in cui una vettura con motore rotativo ebbe la possibilità di partecipare alla 24 Ore di Le Mans. Dopo 17 anni di impegno, finalmente Mazda realizzò il suo sogno di lunga data di aggiudicarsi la vittoria assoluta a Le Mans. Questa vittoria non fu solo di Mazda, ma fu il risultato di lunghi anni di duro lavoro da parte di Mazdaspeed, di collaudatori, fornitori e molti altri coinvolti nel progetto.

Takashi Yamanouchi, Direttore Rappresentativo di Mazda, Presidente del Board e CEO, ha dichiarato: “Mazda basa la sua filosofia su un concetto: “mai smettere di rispondere alle sfide”; ed è questo spirito che lega tutti i dipendenti del Gruppo Mazda nel mondo, e che ci ha ispirato a raggiungere gli ambiziosi obiettivi che da soli ci siamo prefissati. Esattamente 50 anni fa, nel 1961, Mazda diede inizio allo sviluppo del motore rotativo. La strada che ci ha portato da questo inizio fino alla vittoria di Le Mans nel 1991, e fino all’attuale sviluppo del programma di nuova tecnologia SKYACTIV, è basata sul nostro atteggiamento nei confronti delle sfide. 2011 rappresenta un’altra pietra miliare per l’intero Mazda Group, dal momento che – con l’arrivo della tecnologia SKYACTIV – diamo inizio all’introduzione globale delle nostre vetture di nuova generazione”.

Dal 1991, la vettura vincitrice Mazda 787B è stata esposta quasi sempre presso il Mazda Museum a Hiroshima, Giappone. In vista della dimostrazione a Le Mans, Mazda ha accuratamente restaurato la vettura riportandola alle condizioni di guida iniziali, per la prima volta dal dopo-gara del 1991. L’operazione è stata realizzata da dipendenti Mazda che già in passato avevano fatto parte del progetto originale Le Mans Challenge Project, insieme agli ingegneri della compagnia consociate Mazda E&T. La 787B restaurata è stata testata dai migliori collaudatori Mazda, e rispetto al passato è stata in grado di riconfermare le sue prestazioni: i test si sono svolti al Centro Prove Mazda Mine, che si trova nell’Ovest del Giappone e sono stati eseguiti da ex collaudatori Mazda: Yoshimi Katayama, Takashi Yorino e Yojiro Terada.

Come contributo delle celebrazioni di questo 20mo anniversario, alcuni membri del team Mazda del 1991 sono tornati a Le Mans. Il pilota vincitore – l’Inglese Johnny Herbert – sarà quindi raggiunto da quelli che nel 1991 erano I piloti Mazda, dall’Irlanda David Kennedy, il Belga Pierre Dieudonné e altri ancora.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©