Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

MAZDA PROPONE LA COMBUSIONE DELL'IDROGENO ANCHE SUL MOTORE ROTATIVO


MAZDA PROPONE LA COMBUSIONE DELL'IDROGENO ANCHE SUL MOTORE ROTATIVO
15/10/2008, 12:10

 

Mazda Motor Corporation ha annunciato oggi l’arrivo della Mazda RX-8 Hydrogen RE (motore Rotary) sulle strade della Norvegia in collaborazione con il progetto Hydrogen Road of Norway, (HyNor), che ha come obiettivo quello di realizzare un sistema di trasporto ad energia pulita con alimentazione ad idrogeno. Questa è la prima volta che un veicolo Mazda ad idrogeno viene posto in uso regolare su strada al di fuori del Giappone.
 
La RX-8 Hydrogen RE è un ulteriore esempio della strategia “Zoom-Zoom Sostenibile” per lo sviluppo di tecnologie che abbiano un minor impatto sull’ambiente, pur garantendo il piacere di guida e sicurezza. Mazda è l’unica casa automobilistica che produce il motore rotativo RENESIS. La sua particolare architettura la rende più adatta alla combustione dell’idrogeno rispetto ad un motore a pistoni; un processo di trasformazione che è relativamente facile.
RX-8 Hydrogen RE è anche a doppia combustione e permette al guidatore di passare alla modalità benzina quando ne ha bisogno, e ad idrogeno quando disponibile; diventa la vettura ideale da utilizzare ora in quelle zone dell’Europa dove le infrastrutture già lo consentono.
 
Durante il processo di convalida, l’RX-8 Hydrogen RE sarà mostrata anche ai potenziali clienti interessati al leasing di una vettura ad idrogeno e ad eventi per l’ambiente.
“La nostra partecipazione al progetto HyNor segna il il procedere del progetto ad uno stadio successivo” afferma Akihoro Kashiwagi, Mazda Program Manager che si occupa dello sviluppo del motore Hydrogen RE. “Siamo veramente felici di essere parte di un azienda basata sull’energia ad idrogeno in Norvegia. Mazda ha in programma di usare la ricchezza dei suoi dati e la sua esperienza che verrà dai suoi progetti per gli ulteriori sviluppi delle vetture ad idrogeno”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©