Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Risultati incoraggianti per i consumi

Mazda3 con nuovo motore Diesel da 1,6 litri


Mazda3 con nuovo motore Diesel da 1,6 litri
19/11/2010, 16:11

A partire dal suo lancio avvenuto nel 2009, Nuova Mazda3 ha dimostrato di essere una delle
offerte più attraenti del segmento delle compatte. La sua gamma, costituita da due diversi stili di carrozzeria, una due volumi sportiva a cinque porte ed una berlina dall’aspetto atletico, con sette diversi motori, oltre ad una versione sportiva ed al modello Mazda3 MPS ad alte prestazioni, è stata un grande successo fra i clienti europei alla ricerca di una vettura compatta in grado di offrire un elevato comfort di marcia unito al divertimento di guida.

Mazda ha rafforzato ulteriormente questa gamma di successo con il lancio di un nuovo motore diesel MZ-CD common-rail da 1,6 litri, conforme alle norme Euro 5, ora abbinato ad un cambio manuale a sei rapporti, in grado di erogare 85 kW/115 CV di potenza massima a 3.600 giri/min. e 270 Nm di coppia massima in un ampio regime di giri del motore, che va da 1.750 a 2.700 giri/min. La nuova versione consuma solo 4,4 litri di carburante ogni 100 km (percorso misto) e produce 117 grammi di CO² ogni 100 km (percorso misto). La sua nuova configurazione SOHC (singolo albero a camme in testa) a basso attrito ed il basamento in alluminio rendono leggero e compatto questo motore.

Nuova Mazda3 sfoggia un design esterno sportivo e dinamico, con linee caratteriali profondamente marcate che le conferiscono un aspetto di solida qualità costruttiva. È estremamente aerodinamica, con uno dei coefficienti di resistenza fra i più bassi del suo segmento (0,28 per la berlina e 0,30 per la due volumi). Sportiva e spaziosa anche all’interno, presenta un posto di guida dall’eccellente interfaccia uomo-macchina che la rende straordinariamente facile da utilizzare, offrendo nel contempo un abitacolo estremamente silenzioso. Grazie al nuovo motore turbodiesel da 1,6 litri presente sotto al cofano, la leggerissima Mazda3 si rivela scattante, sobria alla stazione di servizio e divertente da guidare.


3. GRUPPO MOTOPROPULSORO
Risparmiare Carburante con più Divertimento alla Guida

Il nuovo motore diesel MZ-CD 1.6 con il nuovo cambio manuale a sei rapporti offre maggiore potenza e coppia per una straordinaria guidabilità ed un migliore risparmio di carburante in grado di soddisfare le norme Euro 5 in materia di emissioni.

Ai fini di soddisfare le normative in materia di emissioni di scarico, il nuovo motore diesel presenta un minore rapporto di compressione, che riduce la temperatura di combustione, ed è provvisto di uno scambiatore della valvola per il ricircolo dei gas di scarico (EGR) perfezionato ed estremamente efficiente, e di un sistema di bypass dello scambiatore della valvola EGR che consente al motore di riscaldarsi più rapidamente in caso di partenza a freddo. Ora è anche dotato di un nuovo filtro antiparticolato (DPF) esente da manutenzione.

Il motore MZ-CD 1.6 è stato ottimizzato per offrire prestazioni eccezionali in termini di rumorosità, vibrazioni e disturbi (NVH). L’attrito del treno di valvole è stato ridotto, ad esempio, adottando una configurazione bivalvole con singolo albero a camme in testa (SOHC), in sostituzione della precedente dotazione a quattro valvole per il doppio albero a camme in testa (DOHC). È inoltre stata perfezionata la precisione del sistema di iniezione.

In virtù della scarsa quantità di elementi costitutivi della struttura SOHC bivalvole, il motore perfezionato MZ-CD 1.6 è circa 4 kg più leggero rispetto al suo predecessore. Con l’aggiunta del nuovo cambio manuale a sei rapporti che pesa 3 kg in meno rispetto al cambio manuale a cinque rapporti del modello precedente, questo gruppo motopropulsore, nel suo complesso, risulta più leggero di circa 7 kg.

Grazie a questi accorgimenti innovativi, la Nuova Mazda3 equipaggiata con motore MZ-CD 1.6 è in grado di soddisfare i requisiti delle norme Euro 5 offrendo prestazioni di marcia più armoniose e sportive, oltre ad un eccellente risparmio nei consumi di carburante.


Nuovo Turbocompressore
Il nuovo motore MZ-CD 1.6 è provvisto di un nuovo turbocompressore a geometria variabile (VGT), più efficiente rispetto al turbocompressore utilizzato dal motore Euro4 della generazione precedente. Grazie all’abbinamento di un compressore ed una turbina anch’essi migliorati, il motore è in grado di erogare una coppia massima di 270 Nm (+ 30 Nm rispetto al precedente diesel da 1,6 litri) in un ampio regime di giri del motore, che va da 1.750 a 2.700 giri/min., il che gli conferisce una migliore capacità di reazione. In termini di potenza massima, è in grado di erogare 85 kW/115 CV (+ 6 CV) a 3.600 giri/min. (400 giri/min. in meno), per offrire ottime prestazioni.

Sistema di iniezione common-rail
Il sistema perfezionato di iniezione del carburante common-rail è provvisto di nuovi iniettori piezoelettrici.
Il carburante viene iniettato a 1.600 bar. Una pressione così elevata permette un controllo più preciso dell’iniezione, il che consente di ottenere maggiore coppia, minori consumi di carburante ed emissioni più pulite. Il nuovo motore MZ-CD 1.6 di Mazda3 consuma solo 4,4 litri di carburante ogni 100 km (percorso misto) e produce 117 grammi di CO² ogni 100 km (percorso misto). Inoltre, l’utilizzo dell’iniezione multipilot consente una combustione più armoniosa che si traduce in una marcia silenziosa e confortevole.

Nuovo DPF* esente da manutenzione
Il precedente motore MZ-CD 1.6 richiedeva un additivo per riuscire a bruciare il particolato presente nel filtro antiparticolato (DPF). Il nuovo motore da 1,6 litri fa uso di un catalizzatore ad ossidazione per aumentare la temperatura dei gas di scarico e per migliorare la combustione del particolato. Ciò consente al DPF di funzionare senza l’uso di un additivo. Il nuovo filtro DPF rivestito è esente da manutenzione ed offre un risparmio significativo in termini di costi operativi.


4. Mazda3
Una Sportiva Compatta di Successo

Una delle maggiori sfide di progettazione in ambito automobilistico è il miglioramento di un modello già di successo. Quando poi tale modello appartiene ad un segmento particolarmente competitivo, risultano necessari attributi estremamente attraenti, capaci di far colpo. Nuova Mazda3 è in grado di offrire tutto questo grazie al design inconfondibile, a tecnologie ambientali innovative e ad un ottimo abbinamento di tutti i suoi componenti, ottenendo come risultato un grande divertimento alla guida, ma in piena sicurezza.

Design
Nel corso degli ultimi sette anni, oltre 560.000 clienti in tutta Europa hanno scelto Mazda3, 80.000 dei quali stanno già guidando il modello attuale lanciato nel 2009. La conoscono come una berlina a quattro porte ed una due volumi a cinque porte. Entrambi gli stili di carrozzeria rivestono un telaio avente un passo relativamente lungo, di 2.640 mm. La parte anteriore ridotta e gli sbalzi posteriori sottolineano il temperamento dinamico di questa vettura compatta. Grazie alle ampie ruote, e ad una carreggiata anteriore e posteriore rispettivamente di 1.530 e 1.515 mm (con pneumatici da 17 pollici), i passaruota risultano quasi completamente colmi. Ciò ha consentito ai progettisti di Mazda di rendere ancora più affusolato il profilo sportivo di Mazda3.

La caratteristica di design più sorprendente di Mazda3 è riscontrabile nella parte anteriore. L’ampia griglia è articolata orizzontalmente ed affiancata da due aperture nella carrozzeria ubicate in prossimità dei bordi estremi del veicolo. La parte anteriore ricorda fortemente quella di una vettura sportiva ad alte prestazioni e presenta una configurazione tale da consentire un alto grado di riconoscimento del marchio.

Strategia di Alleggerimento del Peso
Una parte della strategia Mazda mirata ad uno ‘Zoom-Zoom Sostenibile’ consiste nello sviluppo di nuovi veicoli nell’ambito di un rigoroso programma di riduzione del peso, per contenere i consumi di carburante e ridurre le emissioni di CO². La Mazda3 di seconda generazione ha introdotto un nuovo criterio nel settore automobilistico, essendo più leggera rispetto al modello precedente ma, nel contempo, anche più grande e provvista di maggiori dotazioni. Per ottenere tutto questo, i progettisti hanno fatto uso di una maggiore quantità di acciaio ad alta resistenza e di un quadro strumenti a doppia trave. Hanno inoltre ottimizzato la forma delle sospensioni posteriori, riducendo minuziosamente, nel contempo, il peso di tutti i componenti (a volte anche solo di pochi grammi). Di conseguenza, l’attuale Mazda3 è fino a 15 kg più leggera rispetto al modello precedente.

Telaio
Fra gli attributi dinamici di Mazda3 si annoverano un’elevata rigidezza torsionale, grazie all’uso di torrette perfezionate per le traverse dell’assale anteriore, al miglioramento delle sospensioni posteriori multi-link ed al rafforzamento delle giunzioni della carrozzeria. Insieme alla struttura della carrozzeria dal peso leggero, tali accorgimenti conferiscono a Mazda3 un’eccellente agilità, una maneggevolezza equilibrata e prevedibile ed una tenuta di strada estremamente sicura.

Gruppi motopropulsori
Mazda3 offre una vasta gamma di motorizzazioni, ben sette, per soddisfare le preferenze diversificate dei clienti europei. Oltre al nuovo motore diesel MZ-CD 1.6, la gamma diesel annovera anche un potente MZRCD 2.2 in due versioni entrambe ai vertici della categoria per le elevate prestazioni e per i bassi consumi.

La versione con Potenza Standard eroga 110 kW/150 CV di potenza massima a 3.500 giri/min. e 360 Nm di coppia massima fra 1.800 e 2.600 giri/min., mentre la versione High Power eroga 136 kW/185 CV a 3.500 giri/min. e 400 Nm fra 1.800 e 3.000 giri/min. Entrambe le versioni sono abbinate ad un cambio manuale a sei rapporti e si contraddistinguono per i loro bassi consumi (5.4 e 5.6 l/100 Km nel ciclo combinato rispettivamente per il motore con Potenza Standard e quello High Power)

Il motore base della gamma benzina è un brioso MZR 1.6 con iniezione del carburante a collettore di aspirazione e cambio manuale a cinque rapporti, che eroga 77 kW/105 CV di potenza massima a 6.000 giri/min. e 145 Nm di coppia massima a 4.000 giri/min. Il benzina MZR 2.0 DISI ad iniezione diretta, caratterizzato da bassi consumi (solo 6.8 l/100 Km nel ciclo combinato) e divertente da guidare, viene offerto di serie con l’esclusivo sistema Mazda i-stop di arresto/avviamento. Eroga 111 kW/151 CV a 6.200 giri/min. e 191 Nm a 4.500 giri/min. ed è abbinato ad un cambio manuale a sei rapporti. È inoltre disponibile un benzina MZR 2.0 con iniezione indiretta e cambio automatico a cinque rapporti, che eroga 110 kW/150 CV a 6.500 giri/min. e 187 Nm a 4.000 giri/min.


Completa la gamma dei motori il benzina MZR 2.3 DISI turbo ad iniezione diretta, ad alte prestazioni, montato su Mazda3 MPS, che eroga 191 kW/260 CV di potenza massima a 5.550 giri/min. e 380 Nm di coppia massima a 3.000 giri/min. ed è abbinato ad un cambio manuale a sei rapporti.

Dotazioni
In tutti i mercati europei, l’allestimento base della Mazda3 presenta un lungo elenco di dotazioni di serie. Ad esempio, sono di serie gli specchietti retrovisori esterni a comando elettrico e la regolazione telescopica e verticale del volante di guida. L’impianto stereo dell’Allestimento Base viene offerto con lettore CD provvisto di funzionalità MP3 ed una presa Jack per AUX per il collegamento di dispositivi MP3.

A seconda dell’allestimento, la Mazda3 è provvista di svariate dotazioni, fra cui si annoverano: interfaccia Bluetooth®, impianto stereo surroud Bose® di prima qualità, climatizzatore automatico bi-zona, sistema di accesso ed avviamento senza chiavi, retrovisore interno fotocromatico, sensori di parcheggio posteriori, parabrezza riscaldato (n.d per il mercato italiano) ed un sistema di sensori di pioggia e di accensione automatica delle luci. Mazda3 può essere equipaggiata con un sistema di navigazione integrato provvisto di schermo da 4,1 pollici ed azionabile tramite i comandi presenti sul volante di guida. I dati del navigatore sono memorizzati su una scheda SD compatta.

Interni
Nell’abitacolo, fino a cinque passeggeri vengono vezzeggiati dalla spaziosità superiore alla media (per una vettura compatta) e da un lungo elenco di confortevoli dotazioni. Gli interni offrono ciò che le persone ormai si aspettano da Mazda: un ambiente sportivo con un’ergonomia in cui ‘la forma dipende dalla funzione’. Altrettanto tipica del marchio Mazda è l’elevata qualità degli interni, grazie ai materiali utilizzati di primo ordine.ed alla cura nel loro assemblaggio.

La zona di guida è stata concepita come una cabina di pilotaggio incentrata sul conducente, provvista di intuitive funzionalità di interfaccia uomo-macchina (HMI). Tutti i comandi sono raggruppati in base alla loro funzione. A seconda della loro importanza per la guida e per il comfort, le informazioni vengono comunicate tramite due schermi LCD dall’eccellente leggibilità.


Sicurezza Passiva
Mazda3 è fra i veicoli più sicuri del segmento delle compatte e si è aggiudicata cinque stelle durante i crash test dell’Euro NCAP a Novembre 2009. Presenta un’architettura della carrozzeria a tripla H, zone di deformazione controllata anteriori e posteriori, nonché l’uso di acciaio ad alta resistenza per i montanti ed i longheroni sottoporta. I sedili anteriori sono provvisti di poggiatesta attivi che riducono la possibilità di subire un colpo di frusta in caso di tamponamento. Due air-bag anteriori, due air-bag laterali e gli air-bag a tendina integrati proteggono il conducente ed i passeggeri, insieme alle cinture di sicurezza provviste di doppi pretensionatori (solo per il sedile di guida) e riavvolgitori con limitatori di carico a decremento. La schiuma ad assorbimento di energia presente nel paraurti anteriore migliora la protezione dei pedoni.

Sicurezza Attiva
Mazda3 è provvista di controllo dinamico della stabilità (DSC), di sistema di controllo della trazione (TCS), così come di ABS e servofreno. La segnalazione di arresto di emergenza (ESS), di serie, è in grado di allertare i veicoli retrostanti tramite l’accensione a rapida intermittenza delle luci di emergenza quando il conducente frena repentinamente in una situazione di emergenza. Una volta che la vettura si è arrestata, il sistema continua a lampeggiare a frequenza normale, il che consente di evitare che un veicolo retrostante possa tamponare la vettura.

A seconda dell’allestimento e del mercato (di serie sulle versioni Sport e MPS in Italia), Mazda3 può essere equipaggiata con un sistema di luci anteriori adattative di tipo dinamico (AFS) con fari Bi-xeno in grado di ruotare a destra o a sinistra fino ad un massimo di 15º e di illuminare automaticamente le curve e le svolte. È inoltre disponibile il sistema di monitoraggio posteriore del veicolo (RVM), in grado di rilevare un veicolo che sta sopraggiungendo da destra o da sinistra, o che si sta approssimando presso l’angolo cieco della vettura, e poi di allertare il conducente prima che possa cambiare corsia ed innescare una situazione di pericolo (di serie per il mercato italiano su versioni Sport e MPS).

5. ‘Sostenible Zoom-Zoom’
Impegno Ambientale

A partire dal lancio della prima versione di Mazda6 nel 2002, Mazda non ha solo sviluppato veicoli in grado di divulgare la sua filosofia Zoom-Zoom, bensì anche tecnologie ambientali ed in materia di sicurezza. Con Zoom-Zoom si intende la gioia infantile indotta dal movimento, ricordando però che tale gioia comporta responsabilità da adulti. Questo impegno costante, che Mazda ha battezzato ‘Sostenible Zoom-Zoom’ ha consentito all’azienda giapponese di ottenere grandi encomi. Mazda ha preso rigorosamente in considerazione tutte le variabili ed, in funzione della regione geografica, delle caratteristiche del prodotto e delle tendenze attuali, sta sviluppando una vasta gamma di tecnologie, alla ricerca di soluzioni per giungere ad un futuro in cui le vetture siano sostenibili a livello ambientale.

Motorizzazioni a Risparmio di Carburante
Ben prima dello scenario attuale di aumento costante dei prezzi del petrolio greggio, Mazda aveva approvato un programma, nel 2007, volto a garantire la mobilità individuale a lungo termine. Prendendo tale decisione, Mazda si è assunta volontariamente un impegno nei confronti dell’ambiente e si è prefissata degli obiettivi a lungo termine in termini di sviluppo di tecnologie volte al risparmio di energia. L’obiettivo di questa strategia di ‘Sostenible Zoom-Zoom’ consiste nella graduale introduzione di tecnologie nelle vetture Mazda come parte di un’iniziativa volta ad ottimizzare la capacità del marchio di cogliere e di superare le sfide future. Come costruttore di automobili di serie di vasta diffusione, in tutto questo Mazda non vede solo una straordinaria opportunità, ma anche una particolare responsabilità. Senza andare ad alterare il temperamento divertente e sportivo dei propri veicoli, Mazda si è assunta l’impegno di ridurre i consumi medi di carburante della sua gamma addirittura del 30% entro l’anno 2015.

Seita Kanai, Direttore e Responsabile del settore di Ricerca e Sviluppo, esprime tale concetto nei seguenti termini: “Mazda si è assunta l’impegno di lavorare per giungere ad un futuro sostenibile in grado di offrire costantemente felicità ed entusiasmo alle persone in una società globale, sviluppando veicoli che non smettano mai di entusiasmare, di accattivarsi il cuore dei clienti a prima vista e di offrire un’esperienza di guida così divertente da continuare a riportarli sempre verso Mazda. Costruendo gruppi motopropulsori estremamente efficienti ed ecologici, ed adoperandosi per ridurre il peso dei veicoli, Mazda farà la sua parte per cercare di fornire vantaggi ambientali”.

Per raggiungere tali obiettivi, praticamente tutti i gruppi di motori verranno rinnovati entro il 2015. A partire dal 2011, verranno adottate nuove piattaforme che consentiranno ai progettisti di ridurre il peso dei veicoli di almeno 100 kg. Questa strategia a lungo termine metterà a disposizione dei clienti Mazda tecnologie estremamente innovative a livello ambientale ed in materia di sicurezza. Ciò andrà a rafforzare i loro legami nei confronti del marchio Mazda, rendendo ancora più probabili gli acquisti ripetuti, in quanto i clienti saranno consapevoli di acquistare sempre, con ogni nuovo prodotto, le tecnologie più avanzate.

Processi di Produzione Ecocompatibili
Questa nuova direzione strategica in Mazda pervade tutte le attività dell’azienda e viene utilizzata dal team di Ricerca e Sviluppo certamente non solo per sviluppare nuovi prodotti innovativi. I progettisti di Mazda stanno applicando il ‘Sostenibile Zoom-Zoom’ per rinnovare le tecnologie automobilistiche, così come, di conseguenza, per fare altrettanto con i processi di produzione volti a costruirle. In questo caso, l’obiettivo consiste nel rendere l’impatto di tutti gli stabilimenti di assemblaggio di Mazda altamente efficiente nonché neutrale a livello ambientale, rispettando nel contempo le esigenze di tutti i dipendenti. Presso gli stabilimenti viene prestata particolare attenzione alla riduzione costante dei consumi di energia e delle emissioni di CO², cercando di limitare l’uso di materie prime particolarmente rare e la produzione di rifiuti industriali.

Un esempio della velocità con cui si stanno raggiungendo i suddetti obiettivi, è il processo di verniciatura di Mazda. Nel 2005, tutti gli stabilimenti di assemblaggio di Mazda in Giappone hanno ultimato l’implementazione di un sistema di verniciatura a triplo strato. Mentre tale metodo volto a risparmiare risorse si stava mettendo in atto presso gli stabilimenti di produzione di Mazda ubicati al di fuori del Giappone, un nuovo processo di verniciatura era già ai blocchi di partenza. Quest’ultimo è stato adottato in Giappone nel 2009 e fa uso di vernici a base acquosa, cosa che riduce della metà il già contenuto fabbisogno di energia.

Fino al 2001, praticamente la metà del fabbisogno di energia di Mazda Motor Corporation veniva utilizzato per la produzione di materiali e per i processi di assemblaggio robotizzati. A partire da allora, Mazda è stata in grado di ridurre drasticamente tale parte del proprio fabbisogno di energia. Entro la fine del 2007, l’energia necessaria per costruire un unico veicolo è stata ridotta del 20%, insieme alle emissioni di CO2 correlate.

Questo processo di miglioramento è destinato a proseguire presso tutti gli stabilimenti. Per riuscire a reagire più rapidamente e con maggiore efficienza alle variazioni nella domanda, Mazda ha adottato un programma di innovazione denominato MONOTSUKURI, tramite il quale verranno rese più flessibili le linee di produzione, il che consentirà all’azienda di ottimizzare la capacità operativa. Il sistema sarà in grado di compensare rapidamente un repentino calo negli ordinativi aumentando l’assemblaggio dei veicoli per cui esiste richiesta, ed implicherà il collegamento in rete di tutti gli stabilimenti Mazda, dovunque essi si trovino. In tal modo, una costruzione intelligente presso gli stabilimenti permetterà di ridurre l’energia necessaria per assemblare un veicolo Mazda durante il processo di produzione di tale veicolo, il che a sua volta consentirà di produrre complessivamente meno emissioni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©